A tu per tu con Daniele Maccagni


21 Lug 2020

Responsabile Commerciale MEC OFFICE

A tu per tu con Daniele Maccagni

Nel 1999 inizia la sua esperienza lavorativa nell’azienda di famiglia occupandosi principalmente del settore cancelleria e materiale DPI. Nel 2007 decide di inserire tra le categorie commercializzate anche gadget ed articoli brandizzati. Da allora si occupa prevalentemente di organizzare fiere o eventi per i clienti e di seguire la rete vendite in diverse regioni d’Italia.

Buongiorno Daniele e grazie per aver aderito alla Venticinquesima edizione di Richmond Marketing forum. Quest’anno Mec Office partecipa per la prima volta all’evento. Cosa vi ha spinto ad aderire?

Siamo una realtà alla quale piace mettersi alla prova ogni giorno.
Avere la possibilità di partecipare al vostro evento e incontrare responsabili marketing di realtà prestigiose è sicuramente un’opportunità per noi molto interessante ed affascinante.

Di cosa si occupa la vostra azienda?

Mec Office s.r.l. nasce da un’idea di mio padre Pietro Maccagni che, dopo 36 anni di esperienza lavorativa nell’ambito della cancelleria e stampati, mi coinvolge nel 1998 nella creazione di un’Azienda che fosse più vicina al cliente finale in tutti i suoi aspetti. Pertanto, dopo aver integrato notevolmente la gamma di articoli di materiale DPI ed antinfortunistica, decidiamo di creare una rete di professionisti con esperienza decennale (ancora in fase di sviluppo) che permettesse ad ogni zona d’Italia servita di avere una persona incaricata in grado di essere sempre a disposizione per ogni esigenza del cliente.

Da questa base di pensiero parte tutta la nostra politica aziendale, fatta di ricerca dell’innovazione, qualità e assistenza.
Mec Office ha un’elevata esperienza nella commercializzazione di migliaia di articoli in ambito promozionale, come gadget e abbigliamento. In particolare, ci distinguiamo da altre società per il fatto di avere a disposizione delle linee di abbigliamento 100% Made in Italy.
Inoltre, negli ultimi anni abbiamo rivolto la nostra attenzione al mondo dell’economia circolare, sviluppando prodotti di merchandising vicini a questa filosofia.

Sam Walton, famoso imprenditore del secolo scorso e fondatore di una famosa catena di supermercati, scrisse “Esiste un solo grande capo in un’azienda ed è il cliente. Il cliente può licenziare tutti, dal presidente in giù, semplicemente spendendo i suoi soldi da un’altra parte!”.
Quali caratteristiche deve avere il “dialogo” tra cliente e fornitore per essere il più possibile produttivo?

Siamo convinti che prima di essere fornitori per un cliente dobbiamo diventare un punto di riferimento, come se fossimo un ufficio esterno della loro azienda. Fatto questo diventa tutto più semplice.
Se il cliente necessita di un servizio noi troviamo la soluzione più adatta a lui, se ancora non esiste, la creiamo.

Come descriveresti il vostro rapporto con il cliente?

La nostra filosofia lavorativa è sempre quella di riuscire a “fare esattamente quello che si è detto”. Questo è il tipo di rapporto che desideriamo instaurare con il cliente e che si riassume in due parole: fiducia e professionalità.

Sul vostro sito viene citata una famosa frase di Walt Disney: “Pensa, credi, sogna e osa.” Ma come si sceglie il gadget o l’allestimento più giusto? E quali sono gli strumenti che mettete a disposizione di un cliente che si affida alla vostra esperienza?

Credo che il gadget o l’allestimento non si scelga, ma è il messaggio che il cliente intende trasmettere a suggerire quale prodotto o quale strada intraprendere.
Sicuramente l’esperienza è lo strumento migliore da utilizzare per la filosofia lavorativa.
Molto apprezzato dai nostri clienti è il ‘‘servizio all in’’ offerto per l’evento, cioè un pacchetto di servizi che comprende studio grafico, fornitura gadget e allestimento stand o palchi, luci ed audio.

Tradizionale vs Hi-tech: chi vince la partita in questo momento?

Oggi l’Hi-tech è quasi il tradizionale, in ogni caso vince sempre e comunque l’idea.

Qual è invece l’oggetto più stravagante che personalizzate?

Con il recupero dallo scarto di elettrodi siamo in grado di creare una matita interamente in grafite fornita con packaging per l’evento.

Le scelte sostenibili delle aziende hanno sicuramente un impatto importante sullo stato di salute dell’ambiente. In che modo Mec Office affronta il tema della sostenibilità ambientale?

Un’intera categoria di articoli commercializzati è dedicata al riciclo di materie prime trasformate in gadget interamente made in Italy.

Cosa ami maggiormente del tuo lavoro?

Sinceramente mi piace tutto. Spero di non sembrare presuntuoso ma ho la fortuna di esercitare una professione che adoro.

Con il Covid-19 ci siamo trovati ad affrontare la prima emergenza sanitaria mondiale nell’era dei social media. Osservando le attuali reazioni fuori e dentro il nostro Paese, quali potrebbero essere gli scenari economici e sociali più probabili nell’immediato futuro e quelli a lungo termine?

Sicuramente il consumatore deve ritrovare lo stimolo per investire nel proprio futuro e questo sarà uno dei gradini più alti da superare ma ci si riuscirà senz’altro.

Il periodo forzato di lockdown ha indiscutibilmente lasciato un segno in ciascuno di noi, sia nella sfera personale che in quella professionale. Ora che ci avviamo finalmente verso una ripresa della “normalità”, sapresti dirci un aspetto positivo ed uno negativo della tua esperienza?

Come aspetto positivo sicuramente quello di essere tornato ad apprezzare azioni che erano diventate scontate, soprattutto a livello umano, con amici e famiglia.
L’aspetto negativo è che chiunque vive nella provincia di Piacenza ha perso amici o parenti.

Cosa vi aspettate dalla partecipazione al Richmond Marketing forum?

Siamo certi che comunque vada sarà un’opportunità importante per crescere professionalmente.

Grazie Daniele, ci vediamo a Marketing Forum allora.

Per partecipare al Richmond Marketing Forum 2021 clicca sull'immagine sotto e compila il form in fondo alla pagina

Categoria: