2020 – Nonostante tutto un anno di eventi human2human.


22 Dic 2020

2020 – Nonostante tutto un anno di eventi human2human.

Quello che si sta chiudendo è stato un anno particolarmente intenso, che ci ha visti mettere in campo ottimismo, resilienza, lavoro di squadra e soprattutto la voglia di arrivare fino in fondo.
Abbiamo pensato, elaborato, riprogettato e alla fine abbiamo mollato gli ormeggi con le idee più chiare sul futuro.

Il compito non era facile: in mezzo a una pandemia mondiale che ha letteralmente congelato il mondo degli eventi e che tuttora tiene le persone a distanza avevamo l’obiettivo di portare avanti 12 business forum – eventi b2b con un’anima human2human come ci piace descriverli – pensati e costruiti esplicitamente per far incontrare le persone e generare opportunità di business e di crescita personale.

Non ce l’avremmo mai fatta senza la fiducia che manager e aziende hanno riposto o rinnovato nel format dei Richmond forum e questa fiducia, di cui saremo per sempre grati, è stata la molla che ci ha spinti non solo a non fermarci ma a sperimentare anche nuove strade e nuovi modelli di business.

È stato così che a inizio anno abbiamo messo a disposizione di tutte le aziende presenti nei nostri database il software proprietario  di Richmond Italia affinchè in pieno lockdown potessero organizzare degli incontri di business.
#Restoacasamareagisco è stata la parola chiave che ha accompagnato questa iniziativa che, a cavallo tra fine marzo e aprile, ha visto ben 320 aziende aderire e generare 465  business meetings tenendo viva la progettualità e i budget aziendali anche in un momento in cui l’Italia intera sembrava immobile.

Parallelamente abbiamo testato la versione on-line dei nostri eventi e organizzato il primo Digital Communication Forum: un evento di due giorni a titolo gratuito a cui hanno partecipato 60 responsabili delle attività Digital che hanno incontrato 18 aziende exhibitor e seguito 15 webinar.

Un esperimento piccolo ma importante che ci ha fatto capire che la formula dei Richmond Business forum regge bene anche in versione on-line, anche se l’attività di networking viene evidentemente sacrificata, la soddisfazione generale dei partecipanti è stata buona e all’altezza delle aspettative.

Alla luce di queste conferme, a luglio abbiamo alzato l’asticella e organizzato il nostro primo evento internazionale: il Richmond Energy Business forum International, un evento on-line a cui hanno partecipato una sessantina di aziende che hanno generato quasi 140 meetings, restituendoci una buona fotografia del settore manufatturiero ed energivoro europeo.

L’adesione entusiastica a questa prima edizione a livello internazionale ci ha dato la spinta per pianificarne altri 7 che si svolgeranno nel corso del 2021 e che si rivolgeranno ai settori Digital, E-commerce, Logistica, Industria 4.0, Cyber Security e Sicurezza ambientale e sul lavoro, oltre al già citato settore energetico.

Il mercato degli eventi on-line ci permette infatti di incrementare in tal direzione il numero degli eventi che organizziamo senza nulla togliere a quelli che contiamo di svolgere in presenza che, nel 2021, saranno ben 17 e tra cui  si terrà la prima edizione del Richmond Future Factory forum, l’evento rivolto alle figure decisionali che portano avanti all’interno delle aziende italiane le trasformazioni Industry 4.0.

Forti del successo di tali iniziative e prospettive, seppur portate avanti nel corso di mesi complessi e in cui tecnicamente non era possibile organizzare eventi in presenza, abbiamo affrontato con determinazione la sfida autunnale: organizzare 12 dei 16 eventi programmati su tutto il 2020, nell’arco di soli 3 mesi: da settembre a novembre.

Abbiamo stilato codici di condotta anticovid, attivato misure di sicurezza extra in accordo con le location che da anni ci ospitano e con cui nel tempo abbiamo creato rapporti di collaborazione virtuosi, per garantire una serena presenza agli eventi. Di nuovo le persone ci hanno seguito e dato un grandissimo segnale di fiducia motivandoci a dare il meglio.

Il 20 settembre, per la prima volta dopo mesi ci siamo quindi ritrovati a Rimini con manager e aziende del Richmond Energy Business forum a cui sono seguiti nel giro di pochissimi giorni il Richmond E-commerce forum, il Richmond Finance director forum, il Richmond HSE forum e il Richmond Retail business forum.

Tutti i partecipanti, in modo trasversale ai vari mercati, hanno espresso soddisfazione per aver vissuto per qualche giorno quello che è stato definito il New normal; mascherina in viso, protezione di plexiglass, distanziamento, gel sanificante e tanta, tanta voglia e gioia di ritrovarsi “distanti ma distinti” come citava il titolo di una delle conferenze d’apertura.

Ai 5 forum svolti in presenza fra settembre e i primi di ottobre ne sono poi seguiti nel mese successivo altri 6, questa volta in versione on-line.
Il Ddpcm di ottobre ci ha infatti obbligati a giocarci il piano B, riconvertendo in modalità on-line gli eventi programmati.

Dopo 3 settimane super intense abbiamo potuto constatare come anche i partecipanti al Richmond Marketing forum e Digital Communication forum (in via eccezionale accorpati), il Richmond IT Director forum & Cyber Resilience forum (anche loro accorpati), il Richmond Logistics forum, il Richmond Procurement Director forum e il Richmond Security Director Forum abbiano trovato nella formula dei forum on-line un’opportunità di sviluppo di business, di crescita personale e – non senza una punta di stupore da parte nostra – di networking.

Alla fine di questi due mesi di eventi on-line, possiamo dire che i Richmond Business Forum sono riusciti a essere eventi più human2human di quanto noi stessi avessimo previsto.
I partecipanti sono entrati nelle rispettive case, hanno visto bambini, gatti, cani, salotti, cucine, quadri, poster e cactus, e alla fine di due giornate di incontri seppur virtuali hanno sviluppato una complicità straordinaria.

Le edizioni 2020 di questi forum rimarranno per noi memorabili non solo per le modalità del tutto nuove di ritrovarsi, ma anche perché abbiamo invitato speaker ed esperti che hanno fatto il punto in un contesto più che mai dominato dall’incertezza, invitando a guardare avanti e indicando ai manager strade e soluzioni per traghettare se stessi e le aziende verso un domani più sostenibile, innovativo, inclusivo e sicuro, sia dal punto di vista della sicurezza digitale che fisica.

Si sono avvicendati sul palco di Rimini prima e nei nostri uffici poi Carlo Cottarelli, Gad Lerner, il sociologo dei new media Giovanni Boccia Artieri, arbitri come Gianluca Rocchi ed Emidio Morganti, il Ceo di Dallara Andrea Pontremoli, l’ingegnere e inventore bresciano Cristian Fracassi recentemente insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica per aver realizzato la valvola che ha permesso di convertire una maschera in respiratore, il comico irriverente Germano Lanzoni, la giornalista esperta di Cyber crime Carola Frediani,  lo 007 Vincenzo Fenili agente Kasper e l’Innovation evangelist Ivan Ortenzi.

È ora il momento di guardare al 2021 fiduciosi nelle opportunità che questa crisi ci ha costretti a intravedere e che abbiamo tentato di volgere a nostro favore.
Noi siamo pronti.
Come sempre, la nostra forza e la nostra vera ricchezza sono le persone, a cui quest’anno più che mai vogliamo augurare serenità e un felice Natale.



Categoria: