Richmond IT Director Forum

Rimini Grand Hotel 14 - 16 Novembre, 2021

Offrire nuovi strumenti di formazione e business nel mondo IT: questo è l’obiettivo primario del forum.

L’evento si pone come momento di incontro tra la domanda e l’offerta di prodotti, servizi, soluzioni e progetti che coinvolgono i responsabili delle scelte informatiche e tecnologiche delle aziende italiane.

IT Director forum è un salone a porte chiuse, con una selezione rigorosa dei partecipanti che ne garantisce la qualità.

Nel 2021 Richmond Italia propone anche un’edizione internazionale on-line, una straordinaria opportunità per espandere il confronto e il business su scala europea.

A chi è dedicato?


Delegate


I Responsabili/Direttori IT, CIO e IT manager potranno accedere a sessioni, pensate per la loro formazione umana e professionale. Inoltre, incontreranno in un ambiente riservato e professionale i fornitori di servizi, soluzioni e progetti altamente tecnologici.

Visualizza la lista

Lista Delegate 2021


AIR DOLOMITI SpA ICT Director – ALFAEVOLUTION TECHNOLOGY CIO – ALIA SERVIZI AMBIENTALI SpA ICT Manager – ALIFAX Srl Chief Information Officer – ALPITOUR CIO e CTO – ARNOLDO MONDADORI EDITORE IT Infrastructure and Operations Manager  – ARISTON THERMO GROUP SpA ICT Solutions Director (SC&O, R&D) – AUGUSTA RATIO Head of ICT&Innovation  – BARALAN INTERNATIONAL SpA Global IT Manager – BIOFARMA Group CIO – BLUVACANZE SpA Group Chief Information Officer –  BORMIOLI PHARMA Group IT Director – BORMIOLI PHARMA SpA IT Infrastructure Lead – C.R. VOLTERRA SpA IT Manager – CFT SpA Group IT System & Network Manager – CHIOMENTI IT Director – CESAR ARREDAMENTI SpA CIO – CISALFA SPORT SpA Group CIO – COGNE ACCIAI SPECIALI Responsabile ICT – COLORIFICIO SANRIMINESE SpA IT Department – EASYTECH CLOSURES SpA IT Manager – ELANTAS EUROPE Srl Head of IT – ERBA VITA SpA Responsabile Sistemi Informativi – ESSSE CAFFE’ Direttore Operations – EURO HOLDING SpA CIO – FEDEGARI AUTOCLAVI SpA ITC Manager, Global – FITT GROUP Group CIO – IFOISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALERI Direttore UOSD Ingegneria Clinica e Tecnologie e sistemi Informatici – LOMBARDI SA IT Manager – MARKAS Srl CIO – MELCHIONI SpA IT Manager – MEVIS SpA Corporate CIO – MIRIADE SpA IT Manager –  NUOVA ENERGIA HOLDING Srl CFO – OFFICINE MECCANICHE SpA Group IT Director – PIZZOLI SpA IT Manager – QUBICAAMF SpA IT Director – REGINA CATENE CALIBRATE Chief Information Officer  – RIALTO SpA Direttore IT – ROCHE SpA IT Business Partner – SIT SpA IT Direc tor – SNATT LOGISTICA SpA IT Director – SOL GROUP CIO & CDO –  SPORTLER SpA IT Director – VALETUDO Srl IT Manager – VAY SpA IT Manager – WITT ITALIA Srl Responsabile Sistemi Informativi

Vai ai Delegate2020

Exhibitor


Gli exhibitor avranno un contatto diretto con i manager di aziende alla ricerca di nuove soluzioni informatiche. Proponendo così il loro ventaglio di prodotti e servizi nella sfera dell’Information Technology.

Conferenza di apertura


ROSARIO LO FRANCO


Fisico Quantistico, Università di Palermo

QUANTUM BIT: 0, 1 O ENTRAMBI

DALLE BASI DELLA MECCANICA QUANTISTICA A TECNOLOGIE RIVOLUZIONARIE

La possibilità che un oggetto si trovi simultaneamente in diverse posizioni, oppure la capacità di modificare istantaneamente le proprietà di un oggetto operando su un secondo oggetto arbitrariamente distante, sembrano proprietà irrealizzabili per gli oggetti con cui interagiamo quotidianamente. Tuttavia, se gli oggetti sono atomi, fotoni o elettroni, questi bizzarri fenomeni diventano realtà grazie alle leggi della meccanica quantistica. Questi fenomeni fondamentali della Natura forniscono le basi per il funzionamento di nuovi dispositivi di impatto potenzialmente dirompente, come computer quantistici, crittografia quantistica, teletrasporto. Assemblare e controllare questi sistemi comporterebbe un vantaggio competitivo notevole. Ma a che punto siamo? Cosa si può fare? Quali limiti ci sono ad oggi? In questo talk cercheremo di capire come questa tecnologia impatterà sulle nostre vite, guarderemo con entusiasmo al futuro, senza perdere di vista i limiti che la ricerca dovrà superare.

 

PROGRAMMA IN ELABORAZIONE…

Workshops

  • FOCUS GROUP: IMPRESA 4.0

    STATO DELL'ARTE, BENEFICI, FATTORI INIBENTI

    Quella digitale, non è sicuramente la prima trasformazione del mondo industriale a cui abbiamo assistito negli ultimi decenni: possiamo ad esempio ricordare l’affermazione del lean thinking negli anni ’90, oppure la prima ondata di informatizzazione...
    ANDREA BACCHETTI

    Ricercatore & Docente - Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

    ANDREA BACCHETTI

    Ricercatore & Docente - Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

    Quella digitale, non è sicuramente la prima trasformazione del mondo industriale a cui abbiamo assistito negli ultimi decenni: possiamo ad esempio ricordare l’affermazione del lean thinking negli anni ’90, oppure la prima ondata di informatizzazione che si è perfezionata nel primo decennio del 2000 con l’affermazione dei sistemi ERP. Ma non a tutti sarà sfuggito che la transizione digitale che stiamo vivendo è caratterizzata da due singolarità che nessun altro processo trasformativo ha mai avuto:
    1). è avvenuta prima nel mondo personale e privato, e solo dopo nel business, e
    2). è stata tirata, stimolata, talvolta addirittura generata dagli incentivi messi a punto dal settore pubblico prima ancora che dall’intuizione dei manager e degli imprenditori. In nessun Paese queste due considerazioni sono più vere che in Italia. Durante l’evento presenterò i risultati della quarta edizione della ricerca condotta dal Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia, dal titolo “IMPRESA SMART 4.0 – La trasformazione digitale del manifatturiero a prova di pandemia”. Hanno partecipato e contribuito alla ricerca 165 aziende manifatturiere italiane, eterogenee per dimensione e settore industriale.

    ANDREA BACCHETTI

    Laureato con il massimo dei voti in Ingegneria Gestionale nel 2006 e dottore di ricerca nel 2011, dal 2017 è Ricercatore di ruolo e Docente presso l’Università degli Studi di Brescia. In seno al Laboratorio RISE (Research & Innovation for Smart Enterprises), è responsabile del progetto di ricerca “Impresa & Logistica 4.0”, focalizzato sullatrasformazione digitale dei processi di business delle aziende manifatturiere. Dal 2016 è direttore dell’osservatorio di ricerca “Smart AgriFood”. Infine, è contitolare e CEO di “IQ Consulting”, spin-off di Università degli Studi di Brescia attiva su temi legati alla digitalizzazione delle operations.

    Soft Skills

    • INCLUSIONE A COLORI

      Saper cogliere le profonde differenze negli stili cognitivi, relazionali, realizzativi e motivazionali prevalenti in sé e negli altri consente di trovare le leve più efficaci per comunicare, valorizzare, motivare, guidare gli altri, diffondere esperienze di...
      PAOLA PIRRI

      Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

      PAOLA PIRRI

      Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

      Saper cogliere le profonde differenze negli stili cognitivi, relazionali, realizzativi e motivazionali prevalenti in sé e negli altri consente di trovare le leve più efficaci per comunicare, valorizzare, motivare, guidare gli altri, diffondere esperienze di successo e crescita, disegnare percorsi evolutivi. Il seminario propone una lettura dell’uomo che consente di individuare le chiavi di accesso relazionali e motivazionali per rendere sé e gli altri più efficaci e ingaggiati.

      PAOLA PIRRI

      Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (www.hxo.it) dal 1993 è consulente di organizzazione, coach e formatore. Si occupa di progettazione e realizzazione di interventi di formazione per lo sviluppo manageriale su competenze comportamentali e di leadership, valutazione e sviluppo del potenziale, analisi culturale e di clima. È autrice di numerosi testi e pubblicazioni, fra cui “Persone a colori” (2017), Castelvecchi editore, con Cariani e Cesari e “Le arti della formazione” (2017), EPC editori.

    • LE ZONE CIECHE DELLA MENTE: FLESSIBILITÀ E TRAPPOLE COGNITIVE

      La possibilità di costruire un ambiente di lavoro caratterizzato da flessibilità ed evoluzione continua è fondata sulla capacità di generare nel gruppo la disponibilità a riconoscere i propri automatismi nel valutare situazioni e prendere decisioni....
      FRANCESCA SOLLAZZO

      Psicologa e Senior consultant di HXO (Humanities invetriX Opera)

      FRANCESCA SOLLAZZO

      Psicologa e Senior consultant di HXO (Humanities invetriX Opera)

      La possibilità di costruire un ambiente di lavoro caratterizzato da flessibilità ed evoluzione continua è fondata sulla capacità di generare nel gruppo la disponibilità a riconoscere i propri automatismi nel valutare situazioni e prendere decisioni. Affidarsi a modalità consolidate di rappresentazione della realtà inibisce l’ariosità del pensiero. Il seminario accompagna i partecipanti a riconoscere i bias cognitivi e a identificare le modalità per diffondere entro il proprio team l’orientamento all’esplorazione e alla conoscenza, la creatività, la capacità di fare connessioni.

      FRANCESCA SOLLAZZO

      Psicologa, senior consultant HXO, si occupa di sviluppo organizzativo, formazione comportamentale e manageriale e coaching. Lavora con dedizione, generosità e passione nella progettazione e realizzazione di progetti ed eventi per promuovere l’evoluzione continua delle persone e dei gruppi.

    • L’ARTE DELL’ASCOLTO

      STRATEGIA O UN MODO DI ESSERE?

      L’ascolto è una competenza fondamentale per ogni tipologia di relazione e sapere ascoltare è un’arte che poche persone sanno realmente esercitare. I 4 punti cardine di un “ascolto attivo”: una sessione interattiva per mettersi in...
      ALESSANDRA MONASTA

      Life/Sport, Business Coach Metodo R.I.G.O.R.E - Fonico Forense, LAW5 S.r.l.

      ALESSANDRA MONASTA

      Life/Sport, Business Coach Metodo R.I.G.O.R.E - Fonico Forense, LAW5 S.r.l.

      L’ascolto è una competenza fondamentale per ogni tipologia di relazione e sapere ascoltare è un’arte che poche persone sanno realmente esercitare. I 4 punti cardine di un “ascolto attivo”: una sessione interattiva per mettersi in gioco e navigare nelle relazioni usando una vera e propria “bussola” imparando ad evitare le barriere che intralciano il processo di comunicazione. Siamo abituati a filtrare le parole degli altri secondo nostri meccanismi interni e personali, che ci allontanano da una reale comprensione. Qual è la chiave della capacità di ascoltare?
      “Parlare è un bisogno. Ascoltare è un’arte.” Goethe

      ALESSANDRA MONASTA

      Nasce a Firenze nel 1969, e lo sviluppo della sua carriera professionale viaggia su un doppio binario. Per oltre vent’anni ha svolto attività di Consulente Fonico Forense in ambito di Intercettazioni Telefoniche, occupandosi di indagini di grosso calibro sia italiane che internazionali e si è specializzata nell’ascolto e nello studio della voce come mezzo espressivo delle emozioni. È Autrice del Romanzo “La cacciatrice di bugie” edito da Longanesi, unico nel suo genere. Agli inizi del Terzo Millennio l’incontro con un leader della Serie A del mondo Arbitrale nel Calcio e lo studio effettuato insieme, hanno generato lo sviluppo di una Metodologia innovativa, semplice e funzionale da mettere a disposizione dell’eccellenza dello Sport e dell’Azienda. Il Metodo R.I.G.O.R.E.® e il Progetto S.E.A.® sono strumenti in continua evoluzione creati per lo sviluppo e il potenziamento delle risorse personali, che favoriscono un solido ed efficace equilibrio fra la vita privata e la vita professionale. Dai giudici di Aula ai giudici di Campo, svolge oggi attività di Formazione nello Sport e in Azienda. Il doppio binario è diventato quindi un unico progetto di consulenza rivolto al “benessere e alla formazione”. Entrambi passano da un percorso di consapevolezza dei bisogni delle persone che è quello che favorisce il cambiamento.

      Media Partner


      Vuoi partecipare?


      Compila il modulo per conoscere le esclusive condizioni di partecipazioni al forum ed essere ricontattato.
      Se preferisci, chiamaci allo 02 312009.

      Come ci hai conosciuto?
      LinkedInFacebookBanner su internetGiornali / RivistePassaparolaNewsletter / Email RichmondAltro

      Location


      Simbolo della Dolce Vita e luogo dell’immaginario felliniano, il Grand Hotel di Rimini ha un posto nella leggenda. Vanta una storia centenaria: dal 1908, è la quinta ideale di uno spettacolo caleidoscopico con i suoi saloni storici e le nuove, modernissime zone relax.

      Rivivi l’edizione del 2019


      Ecco cosa è successo