Richmond IT Director Forum

Rimini GRAND HOTEL 15 - 17 Novembre, 2020

Offrire nuovi strumenti di formazione e business nel mondo IT: questo è l’obiettivo primario del forum.

L’evento si pone come momento di incontro tra la domanda e l’offerta di prodotti, servizi, soluzioni e progetti che coinvolgono i responsabili delle scelte informatiche e tecnologiche delle aziende italiane.

IT Director forum è un salone a porte chiuse, con una selezione rigorosa dei partecipanti che ne garantisce la qualità.

A chi è dedicato?


Delegate


I Responsabili/Direttori IT, CIO e IT manager potranno accedere a sessioni, pensate per la loro formazione umana e professionale. Inoltre, incontreranno in un ambiente riservato e professionale i fornitori di servizi, soluzioni e progetti altamente tecnologici.

Visualizza la lista

Vai ai Delegate 2019

Lista Delegate 2020


A.RIEPER SpA ICT Manager – A2A SpA Responsabile ufficio acquisti Corporate – AEROPORTO G. MARCONI di BOLOGNA SpA Resp. Sistemi e Infrastrutture ICT – AIR DOLOMITI SpA ICT Director –  ALCAS SpA IT Manager – ANIA IT Director – AUGUSTA RATIO Head of ICT & Innovation – ATOSTRADA DEL BRENNERO Responsabile Sicurezza Informatica – BARALAN INTERNATIONAL SpA IT Manager – BLUVACANZE SpA CIO – BONELLIEREDE CIO – BONELLIEREDECISO – BOZZETTO GROUP IT Manager – BRUNELLI CUCINELLI CASHMERE ICT Security Manager – CARVICO SpA Group CIO –  CASAPPA SpA Security Specialist – IT Infrastructure Manager – CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA Innovazione e IT – CAVAGNA GROUP ICT Director – CFT SpA Group IT System & Network Manager – CHIOMENTI STUDIO LEGALE IT Director – CISALFA SPORT CIO – COGNE ACCIAI SPECIALI SpA ICT Manager – COLORIFICIO SANMARINESE IT ManagerCOLORIFICIO SANMARINESE IT Department – COMECER IT Manager – COMUNE DI PRATO Dirigente Sistemi Informativi- CONFEZIONI ANDREA ITALIA Srl Head of IT – CPL CONCORDIA CISO – DANIELI OFFICINE MECCANICHE SpA CIO – DIASORIN IT Business Partner Manager – DOLFIN SpA Responsabile IT – DOLOMITI ENERGIA HOLDING SpA CIO – ECOPACK SpA IT Group Manager – ERBA VITA GROUP SpA Resp. Sistemi Informativi – ESSELUNGA SpA IT Manager-area infrastrutture – EUROSPIN Group CIO  – FEDEGARI AUTOCLAVI SpA Global ICT Manager – GROUPM IT Director – GRUPPO ASSIMOCO Security Manager – GRUPPO BALLETTA CIO – GRUPPO GRIMALDI Cyber Security Manager – HERNO SpA CIO – INARCASSA Security Manager – INGERSOLL RAND SpA IT Director BP – INSULA SpA IT Manager – ISTITUTO BIOCHIMICO ITALIANO ICT Manager – ITALO SpA Data Protection Officer – ITALO SpA IT Security Manager –  KOMATSU ITALIA MANUFACTURING SpA EU ICT Deputy General Manager – LOMBARDI SA IT Manager – LUCART SpA IT Infrastructure Manager – MACRON CIO – MAGAZZINI BERLON Srl IT Manager – MARKAS SERVICE Srl Responsabile Sistemi Informativi – MELCHIONI SpA IT Manager – MENZ & GASSER IT Manager – MONDADORI RETAIL CTO – OFFICINE MACCAFERRI SpA Group IT Director – ORTOMAD IT Manager – PETRONAS LUBRICANTS ITALY SpA ICT Emea Lead – POLIDORO SpA Responsabile IT – QUALITY FOOD GROUP SpA CIO – REFLEX&ALLEN CIO – REGINE CATENE CALIBRATE Group CIO – ROBERTO CAVALLI SpA IT Manager – ROCHE IT Business Partner – SEPHORA IT Manager – SIBEG Senior Systema Administration – SIRIO SpA CIO – SIT SpA IT Director – SNATT LOGISTICA SpA IT Director – SODEXO BRS CIOSOGIN SpA Direttore – SOGIN SpA Dirigente – SOLE 365 CIO – SPENCER ITALIA Srl IT Manager –  TERRE CEVICO Soc. Coop. Agricola IT Manager – TESSIVAL Srl ICT Manager – TEXA SpA Global ITC Director – TILLMANNS SpA IT Manager – VALETUDO Srl IT Manager – VALMEX SpA IT Manager – VALPHARMA INTERNATIONAL SpA IT Manager – VIVIGAS SpA Responsabile IT – WITT ITALIA ICT Manager

 

Exhibitor


Gli exhibitor avranno un contatto diretto con i manager di aziende alla ricerca di nuove soluzioni informatiche. Proponendo così il loro ventaglio di prodotti e servizi nella sfera dell’Information Technology.

Conferenza di apertura


CRISTIAN FRACASSI


CEO, ISINNOVA Srl

ESSERE INVENTORE NEL 2020

COME L’INNOVAZIONE PUÒ SALVARE LE VOSTRE VITE E LE VOSTRE AZIENDE

Ognuno di noi ha idee e sogni ogni giorno, ma la chiave dell’innovazione è riuscire a trasformare l’idea in qualcosa di concreto. Come diceva Edison: “le idee, senza la loro esecuzione, sono allucinazioni”. Vi racconterò come analizzare la bontà di un’idea, come saper valutare se ha mercato e quale sia il processo che noi adottiamo per svilupparla. Qualunque essa sia. Parleremo di casi concreti, a partire dalle maschere da snorkeling convertite in maschere respiratorie, ma non solo.

Seminari

  • INTELLIGENZA ARTIFICIALE – FORZA E DEBOLEZZA – L’ESPERIENZA IN FBK

    AI: IN COSA PUÒ VERAMENTE ESSERE UTILE E IN COSA NO: ALCUNI ESEMPI PRATICI

    Intelligenza Artificiale (AI): se ne parla molto, per alcuni può fare cose incredibili e risolvere tutti i problemi. C’è però chi dice che si sta avvicinando il secondo inverno dell’Intelligenza Artificiale. Dopo un breve riassunto...
    PAOLO TRAVERSO

    Direttore Centro di Ricerca FBK ICT, Fondazione Bruno Kessler (FBK)

    PAOLO TRAVERSO

    Direttore Centro di Ricerca FBK ICT, Fondazione Bruno Kessler (FBK)

    Intelligenza Artificiale (AI): se ne parla molto, per alcuni può fare cose incredibili e risolvere tutti i problemi. C’è però chi dice che si sta avvicinando il secondo inverno dell’Intelligenza Artificiale. Dopo un breve riassunto sulle tecnologie alla base dell’AI, vorrei illustrare alcuni progetti in cui alcune tecnologie di AI hanno portato un vantaggio competitivo e altre no. Gli esempi riguarderanno settori diversi: dall’AI per la medicina all’AI per l’industria 4.0. Le tecniche di AI di cui parlerò e che sono state valutate e/o utilizzate in questi progetti non si limiteranno all’ormai famoso “deep learning”, ma spazieranno su tecniche diverse di apprendimento (machine learning), tecniche di verifica e di pianificazione automatica e sistemi che integrano tecniche simboliche con tecniche numeriche. Sono progetti “vissuti sulla pelle” da diversi team del
    centro ICT di FBK (Fondazione Bruno Kessler), un centro di ricerca che da anni studia e applica tecniche di AI, riconosciuto a livello internazionale e il cui obiettivo è una ricerca d’eccellenza che abbia un impatto sul mercato e la società.

    PAOLO TRAVERSO

    Direttore del Centro ICT della Fondazione Bruno Kessler (FBK) dal 2007, il centro di FBK dedicato fortemente all’Intelligenza Artificiale (AI), un centro di circa 350 persone, fra ricercatori, sviluppatori, CTO, PM e studenti di dottorato. Ha lavorato in diverse aziende ICT a Milano, Chicago e Londra e presso il Dipartimento di AI dell’Università di Edimburgo. È stato Chair di EIT Digital Italy – l’Istituto Europeo di Tecnologia e Innovazione in ICT, membro dell’Executive Board dell’Associazione Europea di Intelligenza Artificiale (EurAI). È membro del Consiglio Scientifico del DFKI (Deutsches Forschungszentrum für Künstliche Intelligenz), il centro di ricerca tedesco in AI. Ha più di cento pubblicazioni in riviste e conferenze internazionali. È co-autore di due libri di testo sulle tecniche di Intelligenza Artificiale per la pianificazione automatica.

  • IOT NELLE CITTÀ DEL FUTURO: LE PERSONE AL CENTRO

    L'IOT PUÒ RIVOLUZIONARE LA USER EXPERIENCE NEGLI AMBIENTI DI VITA, ARRIVANDO A CAPIRE LE SENSAZIONI E REAZIONI DELL'UTENTE

    L'IoT, in particolare dopo la pandemia di Covid 19, sarà un mezzo fondamentale per supportare il benessere delle persone nelle città del futuro, massimizzando salute e comfort negli ambienti di vita e di lavoro. La...
    GIAN MARCO REVEL

    Professore Ordinario, Università Politecnica delle Marche

    GIAN MARCO REVEL

    Professore Ordinario, Università Politecnica delle Marche

    L’IoT, in particolare dopo la pandemia di Covid 19, sarà un mezzo fondamentale per supportare il benessere delle persone nelle città del futuro, massimizzando salute e comfort negli ambienti di vita e di lavoro. La possibilità di seguire sensazioni, aspettative e reazioni delle persone apre nuovi scenari nel mondo del lavoro, del business e del supporto alle persone fragili. In questo contesto l’unione di IoT ed Intelligenza Artificiale può fare la differenza, ma occorre prestare attenzione all’interpretabilità delle decisioni che vengono prese, talvolta difficilmente decifrabili. Misure sono ovviamente necessarie anche per supportare la privacy dell’utente. L’impatto atteso può essere rilevante sotto molti punti di vista, anche da quello economico. Basti pensare all’effetto che il comfort ed il benessere possono avere sulla produttività, sia che si parli di smart working che di lavoro tradizionale. La presentazione tratterà questi temi con analisi dei principali trend e di innovative applicazioni.

    GIAN MARCO REVEL

    Professore ordinario di Misure presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche dell’Università Politecnica delle Marche, dove svolge anche il ruolo di Delegato del Rettore alla Progettazione Europea. Si occupa da anni di sistemi di misura e di sensoristica avanzata per applicazioni domotiche, energetiche, acustiche, per controlli non distruttivi e gestione di processi di produzione di materiali da costruzione. Coordinatore del Materials & Sustainability Committee della European Construction Technology Platform – ECTP, è stato Rapporteur per la Commissione Europea nell’ambito del SET-Plan (Strategic Energy Technology Plan).

  • COSTRUIRE UN’EFFICACE CYBERSECURITY CULTURE NELLE ORGANIZZAZIONI

    UNA VISIONE UMANA E SOCIALE

    L’intervento intende discutere l’importanza del fattore umano e della consapevolezza delle minacce informatiche nell’ottica di costruire all’interno della propria organizzazione una cultura della cybersecurity efficace. Questo significa prima di tutto essere disponibili a superare alcuni...
    ISABELLA CORRADINI

    Direttore scientifico, Centro Ricerche Themis

    ISABELLA CORRADINI

    Direttore scientifico, Centro Ricerche Themis

    L’intervento intende discutere l’importanza del fattore umano e della consapevolezza delle minacce informatiche nell’ottica di costruire all’interno della propria organizzazione una cultura della cybersecurity efficace. Questo significa prima di tutto essere disponibili a superare alcuni pregiudizi e rivedere gli approcci finora sviluppati, anche alla luce dell’esperienza maturata nella gestione della pandemia da Covid-19. La relatrice, che ha una vasta esperienza sul campo ed è autrice di un testo internazionale pubblicato dalla Springer (Building a Cybsersecurity Culture in Organizations. How to Bridge the Gap between People and Digital Technology) analizza il tema secondo una prospettiva psicosociale e individua alcuni punti chiave nella costruzione di una cultura della cybersecurity la cui osservanza o mancata applicazione è in grado di determinare il successo o l’insuccesso delle iniziative di cybersecurity awareness.

    ISABELLA CORRADINI

    Psicologa sociale e criminologa, è esperta di fattore umano nella sicurezza (safety e security) e di benessere organizzativo. È direttrice di Themis, centro ricerche socio-psicologiche e criminologico-forensi, e fondatrice del Link&Think Research Lab per lo sviluppo di ricerche e articoli sui temi della consapevolezza digitale. È membro di diversi comitati tecnici e scientifici ed insegna in master universitari. Vanta inoltre anni di insegnamento accademico in psicologia sociale. È autrice di numerose pubblicazioni nazionali ed internazionali (saggi, libri e articoli). È responsabile scientifico della rivista Reputation Today e curatrice di una collana per la Franco Angeli sul tema della reputazione.

    Workshops

    • FOCUS GROUP: ABILITARE LA DIGITAL ORGANIZATION PER COGLIERE LE OPPORTUNITÀ E PROSPERARE IN UN MONDO IN CONTINUA TRASFORMAZIONE

      LEADERSHIP E INNOVAZIONE PER COINVOLGERE E FAR CRESCERE LA TUA ORGANIZZAZIONE

      Un’organizzazione abilitata al digitale è uno dei migliori investimenti per una trasformazione sostenibile. Leader trasformazionali creano più leader. Nonostante la tecnologia sia un investimento importante per la trasformazione digitale, investire nelle persone per liberarne il...
      GIULIANO LIGUORI

      Co-founder Segretario Generale, CIO Club

      GIULIANO LIGUORI

      Co-founder Segretario Generale, CIO Club

      Un’organizzazione abilitata al digitale è uno dei migliori investimenti per una trasformazione sostenibile. Leader trasformazionali creano più leader. Nonostante la tecnologia sia un investimento importante per la trasformazione digitale, investire nelle persone per liberarne il potenziale, l’intuito a sviluppare soluzioni innovative, l’abilità di comunicare e la capacità di adattarsi a un contesto digitale in continuo cambiamento, rimane il miglior investimento per favorire la trasformazione digitale. Sostenere organizzazioni abilitate al digitale, garantisce una costante evoluzione verso mete più grandi. Le organizzazioni che riescono a farlo continuamente sono quelle fatte per durare, esse mantengono viva la visione e continuano a innovare in un’era in cui l’innovazione è la nuova moneta. Come manager della trasformazione digitale, siamo chiamati a migliorare le prestazioni delle aziende attraverso lo sviluppo di soluzioni e metodiche radicalmente innovative. Discuteremo di casi concreti di organizzazioni e PMI che stanno affrontando la sfida della trasformazione digitale, per comprenderne i fattori di successo e quelli limitanti, come affrontarli allo scopo di favorire la transizione ad un’organizzazione abilitata al digitale.

      GIULIANO LIGUORI

      Professionista esperto specializzato nell’applicazione dei paradigmi della Trasformazione Digitale e dell’Industria 4.0. Egli è un innovatore capace di creare valore e garantire energia al motore della crescita aziendale, attraverso l’efficientamento continuo dei processi digitali e la convergenza tra l’Operation e l’Information Technology. Attualmente è CIO della CTP SpA, è membro fondatore del CIO Club Italia (Associazione italiana di CIO e responsabili IT) e uno stimato Influencer e Thought Leader in ambito Digitale. Collabora con Startup e digital agency a livello internazionale.

    • FOCUS GROUP: AGILITÀ NELLA ALLOCAZIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE IN TEMPI DI CRISI: UNA CORE COMPETENCE PER I CIO

      COME EVOLVERE NELLA ABILITÀ DI GESTIONE STRATEGICA DEGLI INVESTIMENTI E DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA

      In questi mesi molti CIO si sono trovati a lavorare in urgenza e condizioni di grande criticità. La rivoluzione tecnologica era in atto, spinta prepotentemente dall'emergenza sanitaria. Come evolvere nella abilità di gestione degli investimenti...
      ELENA SINI

      Group CIO, GVM Care and Research

      ELENA SINI

      Group CIO, GVM Care and Research

      In questi mesi molti CIO si sono trovati a lavorare in urgenza e condizioni di grande criticità. La rivoluzione tecnologica era in atto, spinta prepotentemente dall’emergenza sanitaria. Come evolvere nella abilità di gestione degli investimenti per far fronte alla dinamicità e criticità del contesto, come anticipare il cambiamento e preservare la capacità di innovare? È imperativo poter capitalizzare questo momento di consapevolezza del valore dell’innovazione tecnologica per guidare l’azienda negli investimenti in soluzioni tecnologiche che garantiscano anche un’innovazione di processo.

      ELENA SINI

      Group CIO di GVM Care and Research Membro del HIMSS Board of Directors e Chair del HIMSS Europe Governing Council Direttore Sistemi Informativi con ventennale esperienza maturata in primarie organizzazioni sanitarie italiane pubbliche e private. Docente del Corso di Perfezionamento in Sistemi Informativi per il Governo delle Organizzazioni Sanitarie della ALTEMS – Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari della Università Cattolica. Collabora con ENISA – European Union Agency for Network and Information Security alla definizione di linee guida in ambito cybersecurity applicate al contesto Healthcare. Laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso l’Università di Pisa.

    • FOCUS GROUP: IL RUOLO DELL’IT NELLA GESTIONE DELLA CRISI. RISCHI E OPPORTUNITÀ

      COME IL RUOLO DELL'IT SI È RIVELATO CENTRALE NELLA GESTIONE DELL'EMERGENZA COVID IN AZIENDA

      Tre IT manager di realtà molto diverse condivideranno con i partecipanti alla tavola rotonda le loro esperienze sulla gestione dell’emergenza COVID-19 nelle loro aziende, cercando di analizzare cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato...
      NICOLA QUERCIAGROSSA + MATTEO LOSTUMBO + CRISTIANO DONDI

      CIO - CISO, Grissin Bon Spa / IT Manager, Comecer Spa / IT manager, Almet Italia srl

      NICOLA QUERCIAGROSSA + MATTEO LOSTUMBO + CRISTIANO DONDI

      CIO - CISO, Grissin Bon Spa / IT Manager, Comecer Spa / IT manager, Almet Italia srl

      Tre IT manager di realtà molto diverse condivideranno con i partecipanti alla tavola rotonda le loro esperienze sulla gestione dell’emergenza COVID-19 nelle loro aziende, cercando di analizzare cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato nell’organizzazione dei sistemi informativi e quali sono gli insegnamenti per il futuro che hanno tratto da questo periodo in cui tutte le nostre certezze sono state minacciate, anche nel mondo dell’IT aziendale.

      NICOLA QUERCIAGROSSA + MATTEO LOSTUMBO + CRISTIANO DONDI

      NICOLA QUERCIAGROSSA
      Nato a Modena il 24/02/1972, ha maturato le proprie esperienza professionali a partire dal 1993 inizialmente in qualità di progettista e consulente per reti di telecomunicazione e network security, per poi diventare project leader in progetti di sviluppo reti TLC/VOIP internazionali fino all’anno 2009 . Ha proseguito la carriera approdando in Grissin Bon Spa nel 2009 come CIO – CISO ed esperto nella gestione a 360 gradi delle problematiche IT e OT aziendali. Dopo aver apportato diverse migliorie dell’organizzazione di processi e nella gestione del sistema informativo dal 2011 si dedica allo sviluppo ed implementazione di nuovi progetti per la Business Continuity, cyber security (in ambito IT e OT) , Food Defense e Privacy.

      MATTEO LOSTUMBO
      Da 20 anni nel mondo dell’ICT oggi ricopro il ruolo di IT Manager per Comecer Spa, azienda leader in sistemi di contenimento in ambito Pharma, RadioPharma e ATMP. La mia mission è portare in primo piano il ruolo dell’IT come strumento di Business. La strategia per accrescere il valore dell’IT in azienda passa tramite la governance di team multidisciplinari, porcess management e gestendo la relazione con gli Stakeholder.

      CRISTIANO DONDI
      IT manager, Almet Italia srl Dal 1991 al 2002 lavora per aziende di produzione di software gestionale, prima come programmatore, poi come consulente, poi come project manager di progetti ERP. Dopo un’esperienza in Furla S.p.A. come capo progetto IT per la sede italiana e le filiali estere, approda nel 2005 in Almet Italia srl, all’epoca parte del gruppo canadese Alcan, in qualità di IT manager.

    • FOCUS GROUP: LA PANDEMIA 2020 VISTA COME UN ESPERIMENTO SOCIALE E TECNOLOGICO

      COME UN EVENTO (QUASI) IMPREVEDIBILE HA CAMBIATO LE NOSTRE VITE (LAVORATIVE) E IL NOSTRO APPROCCIO ALLA TECNOLOGIA

      La necessità di affrontare il cambiamento è stato uno dei motivi ricorrenti negli ultimi anni. La realtà ha superato la nostra capacità analitica. Ora il cambiamento non è più un paradigma immaginato, spesso auspicato, ma...
      SERGIO CAUCINO

      IT Director, GroupM

      SERGIO CAUCINO

      IT Director, GroupM

      La necessità di affrontare il cambiamento è stato uno dei motivi ricorrenti negli ultimi anni. La realtà ha superato la nostra capacità analitica. Ora il cambiamento non è più un paradigma immaginato, spesso auspicato, ma lontano. È diventato parte del nostro quotidiano. Lo spunto della discussione sarà quello di un viaggio nel nuovo mondo che emerge tra le pieghe di quello che può essere interpretato come il più esteso esperimento sociale del secolo. In modo rude e improvviso ci siamo scoperti fragili, impreparati ed insicuri, ma allo stesso tempo disciplinati e reattivi, sia nella sfera personale che in quella lavorativa. Molto di questo cambiamento è stato mutuato dalle tecnologie, spesso non nuove, che la necessità ci ha fatto considerare sotto una luce diversa. Vista dalla prospettiva dei CIO, questa crisi è stata complessa, ma ha tuttavia accelerato fortemente l’adozione o il rafforzamento di spinte di rinnovamento tecnologico delle aziende. Siamo stati anche testimoni di un diverso rapporto dell’utente rispetto al luogo di lavoro. Queste sono le dinamiche più interessanti prodotte da questo periodo e rappresentano elementi di un nuovo scenario con cui ci dovremo confrontare negli anni a venire.

      SERGIO CAUCINO

      IT Director di GroupM Italia, azienda del gruppo WPP che si occupa di Media ed Advertising. Nel recente passato ha gestito aspetti della crisi generata dal COVID-19, da un punto di vista tecnologico e organizzativo. Alle spalle ha una esperienza diversificata nel mondo IT& Tech, sia nella consulenza che presso aziende, in settori anche distanti tra loro, come Finance, Events, Automotive, Energy e Media. Nel tempo libero, ama stare con la famiglia, che coinvolge in attività sportive variegate. Scrive romanzi, racconti, articoli di cultura enologica e gastronomica e ha collaborato con testate giornalistiche, università e associazioni sia nel campo della tecnologia, della divulgazione scientifica e della scrittura creativa.

      Exhibitor Corner

      • BUSINESS CONTINUITY: COME COSTRUIRE SERVIZI FLESSIBILI PER AFFRONTARE OGNI EMERGENZA

        LA FLESSIBILITÀ DELLA TECNOLOGIA ASSICURA MODALITÀ DI LAVORO AGILE E INTEGRITÀ DEGLI ASSET AZIENDALI

        La pandemia ha acceso i riflettori sullo smart working. Le aziende hanno così scoperto come il lavoro agile sia un prezioso alleato per garantire la business continuity, consentendo di portare avanti le attività ovunque ci...
        BRIAN TURNBOW

        CTO, TWT SpA

        BRIAN TURNBOW

        CTO, TWT SpA

        La pandemia ha acceso i riflettori sullo smart working. Le aziende hanno così scoperto come il lavoro agile sia un prezioso alleato per garantire la business continuity, consentendo di portare avanti le attività ovunque ci si trovi. La necessità di lavorare da remoto è entrata prepotentemente nella quotidianità dei lavoratori: ma quante aziende erano davvero preparate ad affrontare l’impatto tutelando anche la sicurezza aziendale? Inoltre, le aziende sono chiamate a fornire un ambiente di lavoro protetto ed efficiente, che eviti violazioni ai sistemi IT e interruzioni di servizio che comporterebbero danni ancora più ingenti al business. Ecco perché TWT accompagna le aziende nel percorso verso la digital transformation attraverso l’implementazione di sistemi che garantiscono comunicazioni, servizi e applicazioni always on & available everywhere. Dipendenti e collaboratori possono così accedere al proprio ufficio da qualsiasi postazione, mantenendo al contempo la sicurezza dei dati aziendali. Vieni a scoprire come con TWT sia possibile costruire insieme soluzioni che abilitano nuovi stili di lavoro.

        BRIAN TURNBOW

        Nato in California, inizia la propria carriera nel mondo delle telecomunicazioni nel 1992. Nel 2003 entra a far parte della squadra di TWT, di cui diventa prima Network Manager e oggi CTO. Brian si occupa di progettazione, implementazione e gestione della rete dati e dei servizi erogati. In collaborazione con la dirigenza e il reparto sales, inoltre, è responsabile dello sviluppo di nuovi servizi basati su tecnologia IP.

      • AUMENTA LA RESILIENZA DEL BUSINESS: DALL’ANALISI PREDITTIVA AL SCENARIO MODELING

        COSA ACCADRÀ? REAGIRE CON AZIONI EFFICACI ATTRAVERSO LA PREVISIONE DEGLI SCENARI FUTURI DI BUSINESS

        La Predictive Analytics applicata alle esigenze aziendali diventa proattiva: assiste le aziende nella creazione dell’intelligence attuabile e nella identificazione delle azioni preventive. La flessibilità dei nuovi strumenti digitali ci permette realmente di generare nuovi scenari...
        MARCO TERRIN

        Chief Solutions Architect, FormulaImpresoft S.p.A.

        MARCO TERRIN

        Chief Solutions Architect, FormulaImpresoft S.p.A.

        La Predictive Analytics applicata alle esigenze aziendali diventa proattiva: assiste le aziende nella creazione dell’intelligence attuabile e nella identificazione delle azioni preventive. La flessibilità dei nuovi strumenti digitali ci permette realmente di generare nuovi scenari con modelli decisionali attualizzati e strettamente connessi ai processi operativi interni ed alle variabili esterne. Poter creare autonomamente scene previsionali intelligenti, ci permette di rispondere rapidamente agli interrogativi posti dalle mutevoli situazioni e innescare le “call in action” necessarie per fronteggiare gli eventi. Oggi ci si pone davanti l’obiettivo di accedere alle innovative tecnologie digitali, guidare il processo di scenario modeling fino alla identificazione delle iniziative ed il loro monitoraggio nel tempo, portando l’azione in tutti i livelli organizzativi coinvolti e riducendo il tempo di latenza globale dell’azienda. Formula Impresoft attraverso la sua esperienza e la piattaforma Sharelock Analytics aiuta le aziende ad attivare l’evoluzione del processo decisionale e del governo dell’impresa.

        MARCO TERRIN

        Riveste il ruolo di Chief Solutions Architect nel team di Impresoft Group, dove si impegna nella missione aziendale di portare la digital transformation presso i propri clienti come un cambiamento di atteggiamento, un modo di pensare diverso, nuovi modelli di business ed un maggiore utilizzo della tecnologia per migliorarsi. La sua esperienza di financial manager e business controller lo portano ad essere un digital enabler attivo nella creazione dei cambiamenti organizzativi e nel massimizzare le performance dei processi aziendali.

      • COME L’EVOLUZIONE DELLO SPEAR PHISHING INCONTRA IL BROWSER GRAZIE ALLE INFORMAZIONI CHE QUOTIDIANAMENTE LASCIAMO SUL WEB

        SPEAR PHISHING E BROWSER: COME QUESTI SUBDOLI ATTACCHI NASCONO E SI SVILUPPANO SEMPRE PIÚ ATTRAVERSO LA NAVIGAZIONE WEB DEI DIPENDENTI

        Negli ultimi anni stiamo sempre più assistendo a quello che viene definito il “paradosso” della navigazione web: da una parte, l’aumento dei servizi in cloud e le potenzialità dei browser, assimilabili ormai ad un sistema...
        ANDREA FILIPPO MARINI

        Managing Director, Ermes - Intelligent Anti Phishing

        ANDREA FILIPPO MARINI

        Managing Director, Ermes - Intelligent Anti Phishing

        Negli ultimi anni stiamo sempre più assistendo a quello che viene definito il “paradosso” della navigazione web: da una parte, l’aumento dei servizi in cloud e le potenzialità dei browser, assimilabili ormai ad un sistema operativo a sé stante, portano i dipendenti a passare sempre più tempo sul web; dall’altra parte diverse dinamiche in atto sul web e nelle aziende mostrano come una delle aree più delicate all’interno della security aziendale sia ormai diventata la protezione dei momenti che i dipendenti passano sul web con i loro device aziendali e non. L’intervento avrà lo scopo di mostrare come ormai gli attacchi di phishing, che ormai sono sempre più mirati, si stiano adeguando a questa dinamica, mostrando con alcune demo come attraverso il browser si possano sviluppare completamente (o anche solo alcune fasi) di attacchi di spear phishing. Presenteremo infine come Ermes Cyber Security possa aiutare le aziende a diminuire la propria esposizione agli attacchi di spear phishing grazie al proprio sistema di protezione integrato e centralizzato, garantendo anche totale privacy a tutti i propri dipendenti.

        ANDREA FILIPPO MARINI

        42enne torinese, è da ottobre il Managing Director di Ermes Cyber Security, con il compito di individuare la strategia go-to-market e sviluppare i fatturati. Prima di accettare la sfida/l’opportunità di/in Ermes, Andrea ha sviluppato la sua carriera in multinazionali operanti nel FMCG/“fast moving consumer goods” in ambito commerciale, dapprima in Kimberly Clark per poi coprire posizioni direzionali in ambito internazionale sia in Diageo che in Bacardi- Martini, dove viene anche eletto dagli associati di Centromarca come membro dello Steering Committe. La carriera professionale di Andrea è sempre stata contraddistinta da un forte orientamento ai risultati ed è per questo che non ha esitato ad accettare la sfida/l’opportunità di Ermes. Andrea è sposato ed ha due figli, Ludovica di 10 anni e Tommaso di 7 con cui condivide diverse passioni tra cui la montagna/che ora paragonano il loro papà ad un medico “dato che vende vaccini contro i virus”.

        Soft Skills

        • LAVORARE CON INTELLIGENZA EMOTIVA

          Comprendere come le emozioni impattano sul pensiero, sul comportamento, sulla performance, sull'efficacia personale proprie e degli altri, imparare a conoscersi, a dare il giusto peso alle cose, a ricercare equilibrio, rendersi disponibili a perdonarsi, a...
          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (Humanities invetriX Opera)

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (Humanities invetriX Opera)

          Comprendere come le emozioni impattano sul pensiero, sul comportamento, sulla performance, sull’efficacia personale proprie e degli altri, imparare a conoscersi, a dare il giusto peso alle cose, a ricercare equilibrio, rendersi disponibili a perdonarsi, a darsi il permesso di essere come si è, a cogliere cosa ci rende unici, tutto questo permette di stabilire una comunicazione sana con se stessi e con i propri desideri e bisogni, legittimandosi a credere profondamente in se stessi e a costruire relazioni sane, basate sulla fiducia.

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (www.hxo.it), si occupa di change management e innovazione, sviluppo organizzativo, formazione manageriale e coaching. Attratta dalle sfide, ama generare nuove idee e condividere il suo lungo percorso in consulenza, collaborando con passione con Clienti e Colleghi di primaria qualità nel panorama nazionale e internazionale.

        • IL MANAGER GENERATIVO

          Ogni manager ha una doppia anima, quella del manager produttivo, che guida il risultato e dà struttura alle persone per garantire realizzatività. E quella del manager generativo, che nel presidiare l’agire, il fare, ha lo...
          PAOLA PIRRI

          Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

          PAOLA PIRRI

          Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

          Ogni manager ha una doppia anima, quella del manager produttivo, che guida il risultato e dà struttura alle persone per garantire realizzatività. E quella del manager generativo, che nel presidiare l’agire, il fare, ha lo sguardo al dopo, al costruire ora le premesse su cui il ritorno a una diversa e rinnovata quotidianità si fonderà. Essere un manager produttivo è un grande valore perché garantisce il risultato e fa percepire che l’organizzazione non è alla deriva. Tuttavia oggi solo questo non basta più. Le persone che guidiamo e coordiniamo hanno fatto i conti col carattere illusorio di quanto davano per scontato, hanno bisogno di essere guidate nel costruire un nuovo senso di sé, un nuovo senso di appartenenza, un nuovo modo di approcciarsi al lavoro. E hanno bisogno di sentirsi parte di un contesto lavorativo rinnovato, in cui non c’è una tensione a ristabilire un ordine noto, ma un desiderio diffuso di reinventarsi e disegnare diversi modi di interpretare i ruoli e gli obiettivi.

          PAOLA PIRRI

          Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (www.hxo.it) dal 1993 è consulente di organizzazione, coach e formatore. Si occupa di progettazione e realizzazione di interventi di formazione per lo sviluppo manageriale su competenze comportamentali e di leadership, valutazione e sviluppo del potenziale, analisi culturale e di clima. È autrice di numerosi testi e pubblicazioni, fra cui “Persone a colori” (2017), Castelvecchi editore, con Cariani e Cesari e “Le arti della formazione” (2017), EPC editori.

        • UN PROBLEMA, 100 SOLUZIONI

          Le persone sono una fonte inesauribile di soluzioni. Il metodo proposto sviluppa il problem solving cooperativo, un moltiplicatore di vie d’uscita. L’esperienza condivisa velocizza la risoluzione, diminuisce l’errore e intercetta strategie sperimentate da ripetere. Vogliamo...
          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (Humanities invetriX Opera)

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (Humanities invetriX Opera)

          Le persone sono una fonte inesauribile di soluzioni. Il metodo proposto sviluppa il problem solving cooperativo, un moltiplicatore di vie d’uscita. L’esperienza condivisa velocizza la risoluzione, diminuisce l’errore e intercetta strategie sperimentate da ripetere. Vogliamo scardinare la convinzione limitante del problem solving come competenza individuale anziché sociale. È nella dimensione comunitaria che l’umanità ha sviluppato la capacità di adattamento all’ambiente, una ricerca di sguardi diversi a problemi simili, un meraviglioso mosaico di colpi di fortuna e lampi di genio risolutore. Troviamo insieme una nuova consapevolezza del patrimonio che ci circonda.

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (www.hxo.it), si occupa di change management e innovazione, sviluppo organizzativo, formazione manageriale e coaching. Attratta dalle sfide, ama generare nuove idee e condividere il suo lungo percorso in consulenza, collaborando con passione con Clienti e Colleghi di primaria qualità nel panorama nazionale e internazionale.

          Attività Extra

          • MORNING YOGA..

            PER INIZIARE MEGLIO LA TUA GIORNATA

            Un approccio semplice allo yoga, semplici ed efficaci “asane” per riattivare il corpo al risveglio e che ti aiuteranno ad iniziare la giornata nel miglior modo possibile. Fare yoga al mattino ti aiuterà ad attivare...
            JULIA CARLINI

            Insegnante di Yoga

            JULIA CARLINI

            Insegnante di Yoga

            Un approccio semplice allo yoga, semplici ed efficaci “asane” per riattivare il corpo al risveglio e che ti aiuteranno ad iniziare la giornata nel miglior modo possibile. Fare yoga al mattino ti aiuterà ad attivare il corpo, allungare i muscoli ed acquistare elasticità. È un ottimo strumento per eliminare lo stress, l’ansia o i pensieri negativi. Per iniziare ogni giorno con ottimismo e buon umore. Prenditi cura di te, rilassando la tua mente e iniziando la tua giornata piena di energia!

            JULIA CARLINI

            Dopo essermi specializzata come insegnante di yoga in India, ho intrapreso la mia carriera collaborando con alcune scuole in Italia. Mi sono occupata soprattutto dell’organizzazione dei corsi di yoga per adulti e delle lezioni rivolte sia a principianti che ad esperti. I numerosi workshop, corsi di approfondimento e lezioni hanno sviluppato una particolare sensibilità nel comprendere meglio le esigenze dei miei allievi.

          • 6 IN MOVIMENTO!

            APPASSIONARSI ALLA CORSA O AL CAMMINO È FACILE...SE SAI COME FARE!

            La recente esperienza pandemica ci ha ricordato l’importanza della salute e di quanto uno stile di vita sano possa non solo favorire maggiore benessere, ma anche rafforzare le nostre difese naturali. Correre o camminare regolarmente...
            ANDREA GIOCONDI

            Campione olimpico e primatista del mezzofondo

            MAX MONACO

            Life e motivational coach

            ANDREA GIOCONDI

            Campione olimpico e primatista del mezzofondo

            MAX MONACO

            Life e motivational coach

            La recente esperienza pandemica ci ha ricordato l’importanza della salute e di quanto uno stile di vita sano possa non solo favorire maggiore benessere, ma anche rafforzare le nostre difese naturali. Correre o camminare regolarmente rappresentano per milioni di persone una sana e piacevole abitudine. Eppure, pur desiderando essere attivi, la maggior parte di noi non riesce a cambiare abitudini. Partecipa al workshop motivazionale «6 in movimento» e scoprirai come riuscire a iniziare e continuare con piacere e in più riceverai alcune pillole fondamentali sulla nutrizione. Il workshop è tenuto da Max Monaco e Andrea Giocondi, rispettivamente mental coach e preparatore tecnico della cantante e campionessa paralimpica Annalisa Minetti. A tutti i partecipanti in omaggio il «Personal ActivationBook®» e la possibilità di fare un primo breve allenamento con Max e Andrea la mattina successiva al workshop. Sono oltre 20.000 ad oggi le persone “ex sedentarie” che Max e Andrea hanno già avviato al cammino o alla corsa.

            Metti in valigia le tue scarpe da jogging, se non lo fai potresti pentirtene!

            ANDREA GIOCONDI

            Campione olimpico e primatista del mezzofondo. Vincitore del Golden Gala 1995. Dottore in scienze motorie, tecnico nazionale di atletica leggera e preparatore atletico della Federazione Italiana Arbitri. Medaglia d’argento al valore sportivo. Coach tecnico e atleta guida del Comitato Paralimpico. Ha personalmente allenato e accompagnato la cantante non vedente Annalisa Minetti a vincere la medaglia olimpica alle paraolimpiadi di Londra. È direttore sportivo Top Runners della Maratona di Roma.

            MAX MONACO

            Life e motivational coach, master trainer in PNL. Collaboratore scientifico dell’Università Roma 3 e Tor Vergata. Coach e formatore di grandi aziende italiane e internazionali. Dal 2014 ha aiutato oltre 20.000 persone sedentarie ad attivarsi e migliorare lo stile di vita in modo duraturo. Tra le persone che ha seguito con attività di mental coaching, merita una citazione la cantante e campionessa paralimpica Annalisa Minetti. È stato un ultramaratoneta ed ha un passato come venditore e top manager di importanti multinazionali.

            Media Partner


            Vuoi partecipare?


            Compila il modulo per conoscere le esclusive condizioni di partecipazioni al forum ed essere ricontattato.
            Se preferisci, chiamaci allo 02 312009.

            Come ci hai conosciuto?
            LinkedInFacebookBanner su internetGiornali / RivistePassaparolaNewsletter / Email RichmondAltro

            Location


            Simbolo della Dolce Vita e luogo dell’immaginario felliniano, il Grand Hotel di Rimini ha un posto nella leggenda. Vanta una storia centenaria: dal 1908, è la quinta ideale di uno spettacolo caleidoscopico con i suoi saloni storici e le nuove, modernissime zone relax.

            Rivivi l’edizione del 2019


            Ecco cosa è successo