Richmond Future Factory Forum

Gubbio Park Hotel ai Cappuccini 7-9 luglio 2021

Industry 4.0 è una galassia di modelli gestionali e organizzativi che si incrociano con soluzioni tecnologiche innovative.

Nella fabbrica intelligente, il mix di connettività, trasformazione digitale e utilizzo massiccio dei dati, automazione della produzione e della logistica mettono i decisori nelle condizioni ideali per fare quello a cui sono chiamati: prendere buone decisioni.


Richmond Future Factory forum è il luogo ideale per diventare protagonisti di una nuova e avvincente fase del sistema industriale italiano.

A chi è dedicato?


Delegate


I delegate sono Chief operating officer, Direttori di produzione, Direttori di stabilimento, Chief technology officer, Responsabili IT e Responsabili della logistica.

Si confrontano con esperti e colleghi, e incontrano un gruppo selezionato di aziende che forniscono consulenza e tecnologie Industry 4.0.

Visualizza la lista

Lista Delegate 2021


ABBVIE Site Purchasing Manager – ABOCA Energy & Innovation Manager – ALFAGOMMA SpA Open Innovation Manager – ALFATHERM SpA COO – ARTSANA SpA Project Manager – Direzione Industriale – ASSO WERKE Srl Plant Manager – AUGUSTA RATIO SpA Head of Business Solutions – AUTORITA’ PORTUALE CIVITAVECCHIA Dirigente Area Demanio, Valorizzazione Patrimonio, Ambiente ed Energia – B&B ITALIA SpA Operation Director – BAOSTEEL TAILORED BLANKS Srl Plant Manager – CANDY HAIER EUROPE Consolidation Director & CFO Italy – CANDY HAIER EUROPE Head of Operations – COMELIT GROUP SpA Chief Operating Officer – CURIUM ITALY Srl Responsabile di Produzione – ECOPACK Plant Manager & Operations Director – ELECTROLUX Digital Project Manager – ELLE GROUP IT Manager – ENOAGRICOLA ROSSI Srl Direttore di Produzione – ESSSE CAFFE’ Direttore Operations – EVEREL GROUP SpA Site Procurement Manager – FEDEGARI AUTOCLAVI SpA Supply Chain Manager – FLINT GROUP ITALIA SpA Direttore Operations – FRUTTAGEL SpA Responsabile IT – FRUTTAGEL SpA Supply Chain Manager – GRISSIN BON SpA CIO & CISO – ITALIANA BORDI SpA CTO – KELVIN SrL Logistic Manager – L’AUTRE CHOSE SpA Operation Director – LEM Srl Project Manager – LORO PIANA SpA IT Infrastructure Manager – NTC PHARMA COO – PARK IT Srl R&D Manager – PARK IT Srl CTO – PEDINI SpA COO – PIKDARE CTO – PIKDARE Engineering & Maintenance Manager – RADICI GROUP HPP COO – ROBERTO CAVALLI SpA Product & Production Manager – RONCADIN SpA Direttore Operations – SAFILO SpA Production & Digital Transformation Manager – SIDAC ITALIA COO – SIRMAX SpA Operational Excellence Manager – SNATT LOGISTICA SpA IT Director – SOGIN SpA Innovation Manager –  SOHO FLORDIS INTERNATIONAL Head of Manufacturing – SOHO FLORDIS INTERNATIONAL Head of Operations EMEA – SOLO ITALIA Responsabile Tecnico – SPERLARI Srl Operation Director – SPERLARI Srl Engineering & Technical Manager –  TRE PI PROFUMERIE CEO – TVC GROUP Chief Operating Officer – VALAGRO SpA Engineering Manager – VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SpA IT Group Director

Exhibitor


Non è facile trovare in un unico luogo le figure decisionali che portano avanti all’interno delle aziende italiane le trasformazioni Industry 4.0.

Richmond Future Factory è esattamente questo: un’occasione preziosa di new business e di ascolto del mercato per intercettare i bisogni e incontrare partner di valore.

Conferenza di apertura


ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA


Professore emerito di Storia Contemporanea, Scuola Normale di Pisa

UN FUTURO SENZA PARAGONI

OVVERO COME IL CONFRONTO CON IL PASSATO NON CI DICE NULLA SUL FUTURO MA CI FA CAPIRE LO STESSO QUELLO CHE CI ASPETTA

Forse di qui a non molto potremmo diventare i primi esseri umani a veder mutare la propria natura. Grazie a ciò che sta cambiando nel mondo questa affermazione non suona più tanto assurda. Esistono due soli precedenti paragonabili alle trasformazioni in corso sul pianeta: la rivoluzione neolitica con la quale circa diecimila anni fa i nostri antenati appresero a coltivare la terra e ad allevare gli animali, e la rivoluzione industriale iniziata in Inghilterra nel XVIII secolo. Quanto sta accadendo oggi ha caratteristiche di eguale radicalità. Ma proprio il confronto con le fratture del passato mostra che in realtà ci troviamo di fronte a un fenomeno di vastità e profondità assolutamente inedite. Non è un salto della storia ma un salto in una nuova dimensione della storia dell’uomo, che oltre a rischiare di produrre contraddizioni e conflitti immani minaccia di diventare anche qualcosa di inquietantemente diverso: il salto in una nuova dimensione dell’umano.

Seminari

  • L’EVOLUZIONE DEL PARADIGMA DELL’IMPRESA 4.0 AI TEMPI DEL COVID

    LA TRASFORMAZIONE DIGITALE DEL MANIFATTURIERO A PROVA DI PANDEMIA

    Durante l'intervento saranno presentati i risultati dell’ultima edizione della ricerca «IMPRESA SMART 4.0» del laboratorio RISE dell'Università degli Studi di Brescia. In particolare, sarà possibile comprendere: Quali sono le tecnologie digitali verso le quali si...
    LABORATORIO RISE

    LABORATORIO RISE

    Durante l’intervento saranno presentati i risultati dell’ultima edizione della ricerca «IMPRESA SMART 4.0» del laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia. In particolare, sarà possibile comprendere:

    1. Quali sono le tecnologie digitali verso le quali si stanno indirizzando maggiormente gli investimenti delle aziende manifatturiere?
    2. Quali sono i processi di business più impattati dalla trasformazione digitale?
    3. Quali sono i principali benefici ricercati / ottenuti?
    4. Quali sono gli ostacoli più critici da superare?
  • L’OPEN INNOVATION: IL NUOVO PARADIGMA DELLA FABBRICA DEL FUTURO

    UN NUOVO APPROCCIO PER LA GESTIONE DELL'INNOVAZIONE 4.0

    Oggi tutto il mondo imprenditoriale ha la necessità di rispondere alle richieste sempre più sfidanti di un mercato in rapida e costante evoluzione dovuta alle dinamiche della Quarta Rivoluzione Industriale. Il Piano Nazionale "Transizione 4.0",...
    ROBERTO RICCIARDI

    Innovation Advisor

    ROBERTO RICCIARDI

    Innovation Advisor

    Oggi tutto il mondo imprenditoriale ha la necessità di rispondere alle richieste sempre più sfidanti di un mercato in rapida e costante evoluzione dovuta alle dinamiche della Quarta Rivoluzione Industriale. Il Piano Nazionale “Transizione 4.0”, in continuità con i precedenti “Industria 4.0″ ed Impresa 4.0”, mette a disposizione delle imprese strumenti ed incentivi per accelerare in maniera efficace il percorso di trasformazione aziendale. Trasformazione che deve necessariamente passare da:

    • Ricerca, Sviluppo e Innovazione
    • Acquisto di beni e sistemi finalizzati, tra le altre cose, alla digitalizzazione dei processi produttivi
    • Una sempre più qualificata professionalizzazione della forza lavoro

    La vera sfida è trovare il giusto approccio, puntando al perfetto equilibrio fra incentivi ed esigenze di innovazione. L’Open Innovation è la risposta giusta.

    ROBERTO RICCIARDI

    Sposato e padre di due splendidi figli. Laureato in Giurisprudenza, mi sono sempre occupato di consulenza aziendale. Nel 2011 sono stato co-fondatore di una PMI Innovativa con l’obiettivo di promuovere l’Open Innovation nel mercato italiano. Iscritto all’Albo degli Innovation Manager.

  • SE PUOI SOGNARLO, PUOI FARLO

    INGEGNERIA DELL’IMMAGINAZIONE: ORGANIZZAZIONI PIONIERE LEADER DEL FUTURO

    Walt Disney era un sognatore, un ingegnere dell’Immaginazione per eccellenza: amava arrivare prima degli altri, osare ed inventare, sfidare lo status quo e immaginare un futuro come nessuno prima. Ma Walt Disney non era “solo”...
    VERONICA BONANOMI

    Imprenditrice

    VERONICA BONANOMI

    Imprenditrice

    Walt Disney era un sognatore, un ingegnere dell’Immaginazione per eccellenza: amava arrivare prima degli altri, osare ed inventare, sfidare lo status quo e immaginare un futuro come nessuno prima. Ma Walt Disney non era “solo” un leader: Walt Disney ha creato un’”organizzazione leader” ovvero un’organizzazione che da pioniera è diventata modello di sviluppo indiscusso per generazioni e lo è ancora oggi. Ogni organizzazione pioniera è fatta di Ingegneri dell’immaginazione: donne e uomini dotati della naturale capacità umana grazie al nostro organo predittivo per eccellenza, sua maestà il cervello, di ingegnarsi e divenire il motore del cambiamento, come? Grazie all’Immaginazione: lo sviluppo di scenari futuri attraverso pensiero critico, analisi di problemi e complessità, innovazione, creatività, fantasia, leadership e percorsi di crescita fatti di metodi, formazione, relazioni e costruzione condivisa di obiettivi sostenibili. Se vediamo attraverso organizzazioni come la Disney, ma non solo, la direzione verso uno sviluppo umano possediamo qualcosa di straordinariamente unico: il modello delle organizzazioni del futuro.

    Workshops

    • DAI DATI AI MODELLI BASATI SUI DATI

      IL VALORE E L’INTERPRETAZIONE DEL DATO NELL’IMPRESA DEL TERZO MILLENNIO

      I paradigmi di produzione emergenti (Factory of the Future, Industry 4.0, Physical Internet) basano la loro efficienza su uno scambio dati, sulla loro rielaborazione tramite sistemi ICT e sul loro uso all’interno di sistemi di...
      GUIDO PERBOLI

      Professore di Strategie Aziendali e Ricerca Operativa

      GUIDO PERBOLI

      Professore di Strategie Aziendali e Ricerca Operativa

      I paradigmi di produzione emergenti (Factory of the Future, Industry 4.0, Physical Internet) basano la loro efficienza su uno scambio dati, sulla loro rielaborazione tramite sistemi ICT e sul loro uso all’interno di sistemi di supporto alle decisioni basati su ottimizzazione ed intelligenza artificiale. Purtroppo, il processo per il passaggio dal dato ad un modello decisionale basato sul dato non è sempre chiaro e le conoscenze necessarie per
      interpretare tali modelli a volte viste come “esoteriche”, anche a causa della difficoltà di comunicazione tra chi lavora in impresa e le nascenti figure legati all’uso del dato (data scientist, business analytics specialist, AI specialist). In questo incontro si cercherà di illustrare il processo di acquisizione del dato, la sua integrazione con le tecnologie esistenti ed emergenti (5G, Blockchain, IoT, Intelligenza Artificiale, Business Analytics) e soprattutto attraverso quali azioni sia possibile estrarre il valore che il dato porta con sé, sia come singola informazione, sia come parte di una visione più complessiva della realtà aziendale.

      GUIDO PERBOLI

      Professore di Ricerca Operativa e Strategie Aziendali presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione del Politecnico di Torino. Autore di oltre 100 articoli e atti di congresso, affianca da oltre 15 anni all’attività accademica quella consulenziale ed imprenditoriale presso aziende quali Amazon, Accenture, DHL, Emerson Network Power, FCA, Iveco, Panalpina, Porche, Rhona, TIM, Tales Alenia Spazio, TNT. Mentore di startup e con 15 anni di esperienza in Business Development e R&D, è fondatore e Direttore R&D di Arisk, Spinoff del Politecnico di Torino operante nel settore della predizione della Crisi d’Impresa tramite Machine Learning.

    • IMPRESA 4.0: CASI CONCRETI E METODOLOGIE PER L’IMPRESA SMART

      Le tecnologie digitali, tra cui internet delle cose, realtà aumentata e virtuale, additive manufacturing, robotica collaborativa, offrono alle aziende di tutti i settori e dimensioni, straordinarie opportunità con cui innovare prodotti, processi e modelli di...
      MASSIMO ZANARDINI

      Ricercatore Laboratorio RISE - Università degli Studi di Brescia

      MASSIMO ZANARDINI

      Ricercatore Laboratorio RISE - Università degli Studi di Brescia

      Le tecnologie digitali, tra cui internet delle cose, realtà aumentata e virtuale, additive manufacturing, robotica collaborativa, offrono alle aziende di tutti i settori e dimensioni, straordinarie opportunità con cui innovare prodotti, processi e modelli di business. Per poter cogliere queste potenzialità, è necessario adottare un metodo rigoroso con cui identificare quelle più di interesse per ogni singolo contesto, individuando le peculiarità e le contingenze di ogni impresa. Per diventare SMART è quindi necessario non perdersi tra le innumerevoli possibilità e disegnare il proprio percorso concreto di digitalizzazione da affrontare per gradi. La Digital Roadmap è differente per ogni azienda, non esistono piani e percorsi pre-confezionati. Durante questo workshop verrà presentata la metodologia su cui basare le proprie iniziative 4.0 e verranno discussi esempi concreti di aziende che già hanno traguardato la trasformazione 4.0.

    • CAMBIAMENTO E TRASFORMAZIONE

      COMPRENDERE LA DIFFERENZA, FA LA DIFFERENZA

      Ai due termini cambiamento e trasformazione si dà spesso lo stesso significato eppure, se li analizziamo più attentamente, non è così. In un momento di transizione globale come quello che stiamo vivendo, cogliere e comprendere...
      PAOLO RONCHI

      Open Innovation Manager, Alfagomma S.p.A.

      PAOLO RONCHI

      Open Innovation Manager, Alfagomma S.p.A.

      Ai due termini cambiamento e trasformazione si dà spesso lo stesso significato eppure, se li analizziamo più attentamente, non è così. In un momento di transizione globale come quello che stiamo vivendo, cogliere e comprendere questa differenza, fa la differenza. Faremo insieme un percorso interattivo tra i luoghi e i protagonisti dell’innovazione per individuare gli scenari, le opportunità, ma anche le complessità che inevitabilmente accompagnano ogni cammino di rinnovamento. Tanto nella vita quanto nelle attività di impresa, cambiamento e trasformazione rispondono a regole, tempi e modi ben precisi. È indispensabile indentificarli, studiare e contestualizzarne ogni aspetto affinché si possano azionare i meccanismi che li rendono realmente efficaci. E per chiudere, cenni sulla “coltivazione” della Forma Mentis.

      PAOLO RONCHI

      Dopo studi scientifici ho lavorato in Pirelli per le attività di vendita di know-how in Oriente dove ha vissuto e operato per un ventennio. In Alfagomma, leader mondiale nella produzione di tubi industriali ed idraulici, mi occupo con uno “special team”, delle attività di Open Innovation nelle 96 filiali del Gruppo.

    • LE SFIDE DEL LEASING PER LA RIPARTENZA DEL PAESE

      COME IL LEASING SUPPORTA LE IMPRESE ITALIANE 4.0: CREDITO D'IMPOSTA E NUOVA SABATINI

      L'intervento si propone di affrontare le novità del Piano Transizione 4.0 per comprenderne genesi e impatti sul tessuto produttivo italiano, ma soprattutto le opportunità in termini di strategie prospettiche di mercato del futuro da cogliere....
      CHIARA PALERMO

      Responsabile Relazioni Istituzionali e Rapporti con i Soci, Assilea

      MARCO VIOLA

      Responsabile Fiscale e Contabile, Assilea

      CHIARA PALERMO

      Responsabile Relazioni Istituzionali e Rapporti con i Soci, Assilea

      MARCO VIOLA

      Responsabile Fiscale e Contabile, Assilea

      L’intervento si propone di affrontare le novità del Piano Transizione 4.0 per comprenderne genesi e impatti sul tessuto produttivo italiano, ma soprattutto le opportunità in termini di strategie prospettiche di mercato del futuro da cogliere. Il mondo del leasing e del noleggio al servizio degli investimenti in beni strumentali.

      CHIARA PALERMO

      Classe 1983, laureata in giurisprudenza all’Università di Roma Tre, è Responsabile delle relazioni Istituzionali e rapporti con i Soci dell’Associazione italiana leasing – ASSILEA. Con un forte senso del dovere e dinamismo ha ricoperto per alcuni anni il ruolo di consulente legale in Assilea svolgendo la sua attività soprattutto nell’ambito agevolato, compliance e immobiliare. Con esperienza nella gestione del contenzioso attivo e passivo si è occupata anche delle attività ed adempimenti connessi con l’iter delle gare di appalto ed aggiudicazioni delle forniture.

      MARCO VIOLA

      Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti iscritto all’Ordine di Roma presso cui è anche membro della Commissione Consultiva Fiscalità degli IAS, ricopre il ruolo di Responsabile del Settore fiscale e contabile dell’Associazione Italiana Leasing. È membro rappresentativo dell’Associazione Italiana Leasing presso il Gruppo Fisco e Fisco Internazionale di Confindustria, nonché presso il Gruppo Principi Contabili Nazionali ed Internazionali dell’Organismo Italiano di Contabilità (OIC). Collabora periodicamente con la cattedra di Principi Contabili Internazionali del Prof. Di Lazzaro presso l’università LUISS Guido Carli Internazionale di Roma e in Master di specializzazione presso l’Università La Sapienza di Roma.

    • IL PIANO NAZIONALE TRANSIZIONE 4.0: NUOVE OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE

      IL PRIMO MATTONE DEL RECOVERY PLAN ITALIANO: UNO STANZIAMENTO DI 24 MILIARDI DI EURO PER STIMOLARE GLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE

      Il Piano Nazionale Transizione 4.0 offre un grande supporto alle imprese che investiranno nell’ammodernamento e digitalizzazione dei processi produttivi, nella formazione di competenze e produttività dei lavoratori, nello sviluppo di nuovi prodotti e processi. La...
      ENRICO MARTINI

      Segreteria Tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

      ENRICO MARTINI

      Segreteria Tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

      Il Piano Nazionale Transizione 4.0 offre un grande supporto alle imprese che investiranno nell’ammodernamento e digitalizzazione dei processi produttivi, nella formazione di competenze e produttività dei lavoratori, nello sviluppo di nuovi prodotti e processi. La Legge di Bilancio 2021 ha confermato sull’orizzonte temporale 2021/2022 le importanti agevolazioni fiscali collegate al Piano:

      1) il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali con aumento e diversificazione delle aliquote e dei tetti di spesa;

      2) il credito d’imposta R&S&I&D con l’aumento delle aliquote e dei massimali di credito;

      3) il credito d’imposta Formazione 4.0 con l’estensione delle tipologie di spese agevolabili.

      L’intervento si pone l’obiettivo di fornire alle imprese, che intendono effettuare investimenti in ottica 4.0, una panoramica delle opportunità disponibili a normativa vigente.

      ENRICO MARTINI

      Statistico ed economista con esperienza su analisi congiunturale, econometria, analisi territoriale, statistica ufficiale nazionale ed internazionale. Lavora dal 2011 presso la Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico.

    • IL RUOLO DEL DIGITAL TRANSFORMATION MANAGER IN INDUSTRY 4.0

      L'IMPORTANZA DI UNA CORRETTA PIANIFICAZIONE DEI PROCESSI DI TRANSIZIONE DIGITALE

      La trasformazione digitale non si deve limitare all'innesto di nuove tecnologie all'interno dell'impresa e dei processi esistenti, ma deve essere un'occasione per ripensare i processi esistenti, con l'obiettivo di renderli più efficienti e più vicini...
      STEFANO MUSSO

      Tecnologo, business development, digital transformation manager

      STEFANO MUSSO

      Tecnologo, business development, digital transformation manager

      La trasformazione digitale non si deve limitare all’innesto di nuove tecnologie all’interno dell’impresa e dei processi esistenti, ma deve essere un’occasione per ripensare i processi esistenti, con l’obiettivo di renderli più efficienti e più vicini a quelle che sono le reali esigenze dell’impresa stessa. La trasformazione digitale, in quest’ottica, non è più solamente una trasformazione tecnologica: la tecnologia ricopre un ruolo centrale in quanto abilita la trasformazione, ma la trasformazione deve comprendere anche altre dimensioni (manageriale, organizzativa ed etico/sociale) dell’impresa. In questo contesto, il Digital Transformation Manager è una figura che ha il compito di mettere in discussione “quello che fino ad oggi ha sempre funzionato”, cercando nuove vie, diverse, più efficienti, più lean, in grado di ottimizzare i processi e l’impiego delle risorse.

      STEFANO MUSSO

      Ingegnere gestionale, laureato presso il Politecnico di Torino, dopo un’esperienza di 12 anni come partner di una società di consulenza nell’ambito dello sviluppo business, a partire dal 2015 lavora al Politecnico di Torino su tematiche legate allo stesso ambito. Iscritto come Mentor del progetto PID (Punto Impresa Digitale) della Camera di Commercio di Torino, è un Digital Transition Manager (DTM) presso la Compagnia delle Opere Piemonte.

      Soft Skills

      • LA COMUNICAZIONE ISPIRANTE

        Sviluppare motivazione, coinvolgere e persuadere, guidare l’evoluzione continua, generare ingaggio verso una visione e un obiettivo, richiedono la disponibilità e la capacità di trasformare la comunicazione efficace in comunicazione ispirante. Il carisma, la dominanza, la...
        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

        Sviluppare motivazione, coinvolgere e persuadere, guidare l’evoluzione continua, generare ingaggio verso una visione e un obiettivo, richiedono la disponibilità e la capacità di trasformare la comunicazione efficace in comunicazione ispirante. Il carisma, la dominanza, la curiosità sono alcuni degli ingredienti di una comunicazione ispirante e il seminario ne decodifica e ne rende riconoscibili e fruibili i fondamenti.

        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (www.hxo.it) dal 1993 è consulente di organizzazione, coach e formatore. Si occupa di progettazione e realizzazione di interventi di formazione per lo sviluppo manageriale su competenze comportamentali e di leadership, valutazione e sviluppo del potenziale, analisi culturale e di clima. È autrice di numerosi testi e pubblicazioni, fra cui “Persone a colori” (2017), Castelvecchi editore, con Cariani e Cesari e “Le arti della formazione” (2017), EPC editori.

      • MOTIVARE A COLORI

        Saper cogliere le profonde differenze negli stili cognitivi, relazionali, realizzativi e motivazionali prevalenti in sé e negli altri consente di trovare le leve più efficaci per comunicare, valorizzare, motivare, guidare gli altri, diffondere esperienze di...
        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (Humanities invetriX Opera)

        Saper cogliere le profonde differenze negli stili cognitivi, relazionali, realizzativi e motivazionali prevalenti in sé e negli altri consente di trovare le leve più efficaci per comunicare, valorizzare, motivare, guidare gli altri, diffondere esperienze di successo e crescita, disegnare percorsi evolutivi. Il seminario propone una lettura dell’uomo che consente di individuare le chiavi di accesso relazionali e motivazionali per rendere sé e gli altri più efficaci e ingaggiati.

        PAOLA PIRRI

        Psicologa, partner e responsabile progettazione di HXO (www.hxo.it) dal 1993 è consulente di organizzazione, coach e formatore. Si occupa di progettazione e realizzazione di interventi di formazione per lo sviluppo manageriale su competenze comportamentali e di leadership, valutazione e sviluppo del potenziale, analisi culturale e di clima. È autrice di numerosi testi e pubblicazioni, fra cui “Persone a colori” (2017), Castelvecchi editore, con Cariani e Cesari e “Le arti della formazione” (2017), EPC editori.

      • UN PROBLEMA, 100 SOLUZIONI

        Le persone sono una fonte inesauribile di soluzioni. Il metodo proposto sviluppa il problem solving cooperativo, un moltiplicatore di vie d’uscita. L'esperienza condivisa velocizza la risoluzione, diminuisce l’errore e intercetta strategie sperimentate da ripetere. Vogliamo...
        ALESSANDRA PANACCIONE

        Psicologa, responsabile commerciale e partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

        ALESSANDRA PANACCIONE

        Psicologa, responsabile commerciale e partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

        Le persone sono una fonte inesauribile di soluzioni. Il metodo proposto sviluppa il problem solving cooperativo, un moltiplicatore di vie d’uscita. L’esperienza condivisa velocizza la risoluzione, diminuisce l’errore e intercetta strategie sperimentate da ripetere. Vogliamo scardinare la convinzione limitante della flessibilità come competenza individuale anziché sociale. È nella dimensione comunitaria che l’umanità ha sviluppato la capacità di adattamento all’ambiente, una ricerca di sguardi diversi a problemi simili, un meraviglioso mosaico di colpi di fortuna e lampi di genio risolutore. Troviamo insieme una nuova consapevolezza del patrimonio che ci circonda.

        ALESSANDRA PANACCIONE

        Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (www.hxo.it), si occupa di change management e innovazione, sviluppo organizzativo, formazione manageriale e coaching. Attratta dalle sfide, ama generare nuove idee e condividere il suo lungo percorso in consulenza, collaborando con passione con Clienti e Colleghi di primaria qualità nel panorama nazionale e internazionale

        Attività Extra

        • IL MEGLIO CHE 6! C’È UN ATLETA DENTRO DI TE, NON LASCIARLO SEDUTO!

          Correre o camminare regolarmente rappresentano per milioni di persone una sana e piacevole abitudine, eppure la maggior parte di noi non riesce a cambiare abitudini.Partecipa al workshop motivazionale «il meglio che 6» e scoprirai i...
          ANDREA GIOCONDI

          Campione olimpico e primatista del mezzofondo

          MAX MONACO

          Life e motivational coach

          ANDREA GIOCONDI

          Campione olimpico e primatista del mezzofondo

          MAX MONACO

          Life e motivational coach

          Correre o camminare regolarmente rappresentano per milioni di persone una sana e piacevole abitudine, eppure la maggior parte di noi non riesce a cambiare abitudini.
          Partecipa al workshop motivazionale «il meglio che 6» e scoprirai i segreti per guidare la tua mente e cambiare facilmente lo stile di vita!
          Il workshop è tenuto da Max Monaco e Andrea Giocondi, rispettivamente mental coach e preparatore tecnico della cantante e campionessa paralimpica Annalisa Minetti.
          Sono oltre 20.000 le persone “ex sedentarie” che Max e Andrea hanno attivato in modo duraturo.
          A tutti i partecipanti in omaggio il «Personal ActivationBook®» e la possibilità di fare un primo allenamento (solo 15 minuti) con Max e Andrea la mattina successiva al workshop.
          Metti in valigia le tue scarpe da jogging, se non lo fai potresti pentirtene!

          ANDREA GIOCONDI

          Campione olimpico e primatista del mezzofondo. Vincitore del Golden Gala 1995. Dottore in scienze motorie, tecnico nazionale di atletica leggera e preparatore atletico della Federazione Italiana Arbitri. Medaglia d’argento al valore sportivo. Coach tecnico e atleta guida del Comitato Paralimpico. Ha personalmente allenato e accompagnato la cantante non vedente Annalisa Minetti a vincere la medaglia olimpica alle paraolimpiadi di Londra. È direttore sportivo Top Runners della Maratona di Roma.

          MAX MONACO

          Life e motivational coach, master trainer in PNL. Collaboratore scientifico dell’Università Roma 3 e Tor Vergata. Coach e formatore di grandi aziende italiane e internazionali. Dal 2014 ha aiutato oltre 20.000 persone sedentarie ad attivarsi e migliorare lo stile di vita in modo duraturo. Tra le persone che ha seguito con attività di mental coaching, merita una citazione la cantante e campionessa paralimpica Annalisa Minetti. È stato un ultramaratoneta ed ha un passato come venditore e top manager di importanti multinazionali.

          Media Partner


          Vuoi partecipare?


          Compila il modulo per conoscere le esclusive condizioni di partecipazioni al forum ed essere ricontattato.
          Se preferisci, chiamaci allo 02 312009.

          Come ci hai conosciuto?
          LinkedInFacebookBanner su internetGiornali / RivistePassaparolaNewsletter / Email RichmondAltro

          Location


          Il Park Hotel ai Cappuccini è un monastero del XVII secolo, sapientemente restaurato. È a Gubbio nel cuore dell’Umbria, immerso nel verde. La sua architettura è tra le testimonianze più alte di un Medioevo colto. Il Park Hotel ai Cappuccini unisce antichi ambienti e nuovi comfort.