Richmond Energy Business Forum Autumn

Rimini GRAND HOTEL 21-23 SETTEMBRE 2022

L’energia, in tutte le sue nuove forme. Un giorno e mezzo di conferenze, workshop e incontri di new business per capire le spinte che investono il mondo dell’energia.

Un appuntamento di business dedicato all’incontro tra Energy Manager, Responsabili delle scelte strategiche in ambito energetico e fornitori di soluzioni, prodotti e servizi del settore

In parallelo con conferenze e seminari, si svolge l’agenda degli incontri tra invitati (delegate) e società fornitrici (exhibitor).

A chi è dedicato?


Delegate


I delegate avranno la possibilità di confrontarsi con persone che occupano lo stesso ruolo in altre aziende. In più, potranno valutare le offerte e le idee di un gruppo selezionato di fornitori, specialisti del settore energia.

Visualizza la lista

Lista Delegate 2022


ABITARE SOC. COOP. Direttore – ADSP MARE TIRRENO CENTRO SETTENTRIONALE Area Ambiente ed Energia, Dirigente – AEROPORTI DI ROMA Esperto Energia e Sostenibilità – APTUIT Srl, an EVOTEC COMPANY Energy Management Expert |Facilities Specialist – ASSOFOND Responsabile Consorzio – AUTORITA’ PORTUALE LIVORNO Dirigente Sviluppo Innovazione Programmi EU – AUTOSTRADE PER L’ITALIA Energy Manager – AUTOTRASPORTI PIGLIACELLI SpA Energy Manager – AZIENDA USL DELLA ROMAGNA Energy Manager – BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA Energy Manager – BAXTER ITALIA SpA Energy Manager EMEA – BITRON Energy Manager Machinery Procurement – CAPRARI SpA Indirect Puchasing Manager – CHEF EXPRESS Direttore Tecnico – CNH INDUSTRIAL Energy Dept. Director | Logistic Engineering Manager – COGNE ACCIAI SPECIALI Energy Manager – COMAU SpA Facility & Energy Manager – CONSORZIO ASSOFOND ENERGIA Funzionario Gestionale del Consorzio – COSMO SpA Energy Manager – DANA INCORPORATED EHS Director – DOPPEL FARMACEUTICI Plant Utilities Manager – EF GROUP Energy Manager – ELI LILLY ITALIA Sustainability Program Leader – ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA SpA Group Chief Procurement Officer – F.LLI BERETTA SpA Operations Manager – FABBRI 1905 SpA Central Procurement Director – FASTWEB SpA Energy Manager – FEDERGARI GROUP  Facility Supervisor – FONDERIA DI TORBOLE Automazione Industriale – FRATELLI PIACENZA Direttore di Stabilimento – GRANDI NAVI VELOCI SpA Energy Manager/Port Security Manager | Technical department – Energy Management – HANES Facility Manager & Indirect Purchasing Manager – HERA SERVIZI Responsabile Commerciale e Gestione Impianti Business – ISA SpA Energy Manager – IVECO GROUP Energy Specialist – LANIFICIO FRATELLI PIACENZA Responsabile Manutenzione – LEROY MERLIN Responsabile Tecnico di Area – LUCCHINI RS SpA Energy Specialist – MENO20 Direttore Generale – OROGEL SOC. COOP. AGRICOLA HSE Manager – PADANIA ACQUE SpA Direttore Tecnico – PAMA Purchasing – ROECHLING AUTOMOTIVE ITALIA Srl Maintenance Manager – ROMAGNA ACQUE SOCIETA’ DELLE FONTI SpA Energy Manager – SIBELCO ITALIA SpA Energy Manager | Energy Officer – SISECAM FLAT GLASS ITALY Energy Manager – ST MICROELECTRONICS Catania Facility Director – SOGAER SpA Energy Manager – TARKETT SpA Energy Manager – TEDDY SpA Procurement Manager – THUN SpA Head of HSE – TRENITALIA Energy Manager Industrial Plant – ZAMASPORT CR& Sustainability Specialist – UMBRAGROUP SpA HSE & Energy Manager – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PERUGIA Professore Associato – Esperto Energia per Supporto Tecnico-Scientifico e Enti Pubblici e Imprese nell’Ambito di Convenzioni/Contratti- XERJOFF Corporate Senior Advisor

Vai ai Delegate2021

Exhibitor


Gli exhibitor potranno misurarsi con il top delle aziende italiane, conoscere i competitor e creare new business: proponendo direttamente ai decision maker tutte le novità e gli scenari inerenti il mondo dell’energia.

Conferenza di apertura


CONSUELO CARRERAS


Senior Researcher Maritime&Energy Dept., SRM - GRUPPO INTESA SANPAOLO

LE PROSPETTIVE DELLA STRATEGIA ENERGETICA ITALIANA. SPUNTI E RIFLESSIONI

HIGHLIGHTS DAL TERZO MED & ITALIAN ENERGY REPORT DI SRM E POLITO

Alla luce del momento storico che stiamo vivendo, speriamo a valle della crisi pandemica e con l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina, le “specializzazioni” dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo e le interazioni tra le tre sponde dell’Area assumono una connotazione ancora più potente. Queste differenze costituiscono la base dell’attuale dialogo energetico, imperniato sui combustibili fossili, con un flusso dal Sud (paesi produttori ed esportatori, principalmente situati nel Nord Africa) al Nord (l’Europa, fatta di paesi consumatori e importatori), ed è cruciale tener conto di questa specializzazione quale punto di partenza per una forte cooperazione nell’ipotizzare e progettare le possibili traiettorie energetiche future, con l’obiettivo comune di aumentare la sicurezza energetica, e sicuramente a supporto del processo di decarbonizzazione. In questo contesto, un ruolo importante viene giocato dall’idrogeno verde, che potrebbe rappresentare un’opportunità per tutta la regione mediterranea, ma richiede tassativamente l’adozione di un approccio cooperativo tra i paesi. Quali commodity saranno determinanti non solo per raggiungere gli obiettivi climatici della transizione energetica, ma anche per definire una nuova rete geopolitica al posto di quella incentrata sui combustibili fossili?

Seminari

  • IL COSTO DELL’ENERGIA: QUALI SCENARI CI ATTENDONO?

    DAL CARO ENERGIA ALLA TRANSIZIONE ECOLOGICA

    L'Unione europea ha fissato l'obiettivo della neutralità carbonica entro il 2050 e un target intermedio di riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030. Tale percorso implica una trasformazione strutturale del sistema energetico europeo e...
    CARLO STAGNARO

    Direttore ricerche e studi, Istituto Bruno Leoni

    CARLO STAGNARO

    Direttore ricerche e studi, Istituto Bruno Leoni

    L’Unione europea ha fissato l’obiettivo della neutralità carbonica entro il 2050 e un target intermedio di riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030. Tale percorso implica una trasformazione strutturale del sistema energetico europeo e delle tecnologie con cui l’energia viene trasformata, trasportata e utilizzata. La transizione implica enormi investimenti nella generazione di energia elettrica, nella realizzazione di adeguate infrastrutture e nell’efficienza energetica, oltre che in tutte le tecnologie che consentono di mitigare o annullare le emissioni di CO2. Negli ultimi mesi, però, gli enormi rincari delle principali commodity energetiche – in particolare gas naturale ed energia elettrica – hanno sollevato molti interrogativi; e così le profonde divisioni politiche tra gli Stati membri dell’Ue in relazione alla tassonomia degli investimenti sostenibili. L’intervento analizza le cause strutturali degli aumenti, anche alla luce della guerra in Ucraina, e individua le principali sfide che l’economia italiana ed europea dovrà sostenere nei prossimi anni.

    CARLO STAGNARO

    Carlo Stagnaro (1977) è direttore ricerche e studi dell’Istituto Bruno Leoni. Precedentemente è stato capo della segreteria tecnica del Ministro per lo Sviluppo economico. Fa parte della redazione della rivista Energia ed è editorialista del Foglio. Insieme ad Alberto Saravalle ha scritto “Molte riforme per nulla” (Marsilio, 2022). Con Philip Booth ha scritto “Carbon Conundrum. How to Save Climate Change Policy from Government Failure” (Institute of Economic Affairs, 2022).

  • L’EGE 2.0: LA REVISIONE DELLA UNI CEI 11339

    LE NOVITÀ SULLA NUOVA NORMA PER LA CERTIFICAZIONE DELL'EGE E BREVE CONFRONTO CON GLI ALTRI OPERATORI DEL SETTORE

    Con la revisione della UNI CEI 11339 i compiti e le competenze dell’Esperto in Gestione dell’Energia (EGE) vengono aggiornati in funzione dell’attuale mercato dell’energia e delle nuove opportunità offerte. Nella nuova norma infatti si parla...
    FRANCESCO BELCASTRO

    DIRETTORE, FIRE-SECEM

    FRANCESCO BELCASTRO

    DIRETTORE, FIRE-SECEM

    Con la revisione della UNI CEI 11339 i compiti e le competenze dell’Esperto in Gestione dell’Energia (EGE) vengono aggiornati in funzione dell’attuale mercato dell’energia e delle nuove opportunità offerte. Nella nuova norma infatti si parla di transizione energetica, decarbonizzazione, emissioni, economica circolare, dunque di sostenibilità oltre che di gestione dell’energia. Lo schema della norma, il focus sulle nuove competenze e la procedura di certificazione verranno descritti nell’incontro. Inoltre un confronto con le altre figure presenti oggi nel settore energetico, in primis l’energy manager, permetterà di comprenderne le opportunità alla luce delle novità legislative degli ultimi anni.

    FRANCESCO BELCASTRO

    In FIRE dal 2007, è responsabile della formazione della Federazione. Dal 2013 ricopre inoltre il ruolo di direttore di SECEM, primo Organismo di Certificazione ad essere accreditato da Accredia per il rilascio della certificazione delle competenze professionali dell’EGE, ai sensi della UNI CEI 11339. Componente del gruppo di lavoro del MATTM per la definizione dei Criteri Minimi Ambientali (CAM) per l’affidamento di servizi energetici per gli edifici. Componente del gruppo gestione dell’energia UNI/CTI-CEI CT 212.

    Workshops

    • SCENARI ENERGETICI VERSO LA DECARBONIZZAZIONE: IL RUOLO DELL’IDROGENO

      TRA SFIDE TECNOLOGICHE, VANTAGGI E NUOVE OPPORTUNITÀ

      L'idrogeno è oggi al centro della scena mondiale come nuovo vettore energetico per svolgere un ruolo chiave nel successo della decarbonizzazione nei settori industriali, nei trasporti e negli usi civili. I paesi di tutto il...
      PAOLO MUTTI

      Project Leader Hydrogen Innovation Report 2022, Energy Strategy Group

      PAOLO MUTTI

      Project Leader Hydrogen Innovation Report 2022, Energy Strategy Group

      L’idrogeno è oggi al centro della scena mondiale come nuovo vettore energetico per svolgere un ruolo chiave nel successo della decarbonizzazione nei settori industriali, nei trasporti e negli usi civili. I paesi di tutto il mondo stanno infatti sviluppando nuove strategie e politiche per promuovere l’uso dell’idrogeno attraverso la riduzione dei costi e la creazione della domanda. Tuttavia, la complessa interazione tra i diversi fattori che ne influenzano l’introduzione nel settore energetico pone serie sfide per il futuro. L’intervento verterà quindi sul ruolo dell’idrogeno nella transizione verso la decarbonizzazione e le complesse trasformazioni e sfide tecnologiche che dovranno essere affrontate per cogliere questa nuova opportunità di business.

      PAOLO MUTTI

      Laurea in ingegneria Nucleare e PhD, inventore di oltre 70 brevetti, Paolo Mutti ha una vasta esperienza manageriale nel settore delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica con posizioni di CEO e GM in industrie leader nel settore. E’ il Project Leader dell’Hydrogen Innovation Report del Politecnico di Milano.

    • OBIETTIVI DEL GREEN DEAL EUROPEO E DI REPowerEU

      OPPORTUNITÀ E RISCHI PER LE IMPRESE

      Le iniziative strategiche del Green Deal hanno obiettivi quasi tutti calibrati su quelli tedeschi, spiazzanti per alcuni settori industriali italiani, spesso esportatori in Germania, ma molto allettanti per altri. Come gestire la riconversione produttiva per...
      GIOVANNI BATTISTA ZORZOLI

      Presidente, Associazione Italiana Economisti Energia

      GIOVANNI BATTISTA ZORZOLI

      Presidente, Associazione Italiana Economisti Energia

      Le iniziative strategiche del Green Deal hanno obiettivi quasi tutti calibrati su quelli tedeschi, spiazzanti per alcuni settori industriali italiani, spesso esportatori in Germania, ma molto allettanti per altri. Come gestire la riconversione produttiva per consente alle imprese di inserirsi in settori di produzione a domanda più elevata?

      GIOVANNI BATTISTA ZORZOLI

      Decenni dedicati ai problemi energetici come docente universitario, membro di CdA, consulente di imprese.

    • LA GESTIONE STRATEGICA DEGLI INVESTIMENTI IN EFFICIENZA ENERGETICA IN UN’EPOCA DI GRANDI INCERTEZZE

      EVIDENZE SCIENTIFICHE A SOSTEGNO DI UNA VISIONE SISTEMICA

      Globalizzazione, pandemia, instabilità geopolitica, cambiamenti climatici. La sfida della transizione energetica si innesta in un quadro di grande incertezza che mal si sposa con le esigenze degli investitori. Segnali e pressioni contrastanti rendono complesso lo...
      FRANCESCO RIZZI

      Professore Associato, Università di Perugia

      FRANCESCO RIZZI

      Professore Associato, Università di Perugia

      Globalizzazione, pandemia, instabilità geopolitica, cambiamenti climatici. La sfida della transizione energetica si innesta in un quadro di grande incertezza che mal si sposa con le esigenze degli investitori. Segnali e pressioni contrastanti rendono complesso lo sviluppo di strategie di ampio respiro che guidino imprese e consumatori verso un futuro più sostenibile. Come rimuovere quindi i disturbi e i rumori di fondo per concentrarsi più chiaramente sugli elementi che devono indirizzare il nostro operato? Una lettura delle attuali sfide da una prospettiva sistemica può consentirci di focalizzare l’attenzione su alcuni elementi certi e ridare impulso alla nostra progettualità come imprenditori, manager o cittadini. Una prospettiva sistemica può portarci a ridare priorità al tema della coerenza come elemento centrale nei processi decisionali. Oggi, più che mai, la coerenza deve essere ricercata nel come si fissano i propri obiettivi strategici, nel come si intende misurare le performance, nel come si sviluppa il processo di innovazione, nel come si disegnano le strutture di governance, nel come si gestiscono le relazioni strategiche lungo le filiere. Con ciò, divenire attori del cambiamento può divenire più semplice e riservare importanti soddisfazioni.

      FRANCESCO RIZZI

      Francesco Rizzi è docente di Economia e Gestione delle Imprese presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Perugia. Laureato in Ingegneria, ha una ventennale esperienza di ricerca e supporto alle imprese sui temi della sostenibilità e della eco-innovazione. Nelle sue ricerche ha analizzato le traiettorie di adozione delle tecnologie per la transizione energetica dalla prospettiva del consumatore e delle imprese, con particolare riferimento alla valutazione delle ricadute in termini di sviluppo di nuovi modelli di business e la nascita nuova imprenditorialità. Nei suoi studi più recenti si sta occupando dei fattori abilitanti la transizione ecologica in una prospettiva sistemica, con particolare riferimento ad alcune specifiche filiere tecnologiche, quali quelle dell’idrogeno.

    • COMUNICAZIONE E BEHAVIOUR CHANGE PER L’EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA: DALLA TEORIA ALLA PRATICA

      COME COMUNICARE E COINVOLGERE L'AZIENDA SULL'USO RAZIONALE DELL'ENERGIA

      Le più recenti teorie di scienze del comportamento hanno dato prova di poter contribuire, in maniera significativa, alla riduzione dei consumi energetici nei settori terziario e industriale, sostenendo e potenziando gli interventi di natura tecnologica....
      ANTONIO DISI

      RESEARCHER & BEHAVIOURAL DESIGNER, ENEA

      ANTONIO DISI

      RESEARCHER & BEHAVIOURAL DESIGNER, ENEA

      Le più recenti teorie di scienze del comportamento hanno dato prova di poter contribuire, in maniera significativa, alla riduzione dei consumi energetici nei settori terziario e industriale, sostenendo e potenziando gli interventi di natura tecnologica. Tale evidenza scientifica è stata riconosciuta dalle politiche di settore a livello internazionale e lo stesso Governo italiano l’ha recepita nei propri strumenti di incentivazione, in particolare nei Titoli di Efficienza Energetica. Partendo da queste premesse, il seminario intende fornire agli Energy Manager un metodo per la progettazione e la realizzazione di campagne di comunicazione sull’uso razionale dell’energia efficaci e misurabili, che coinvolgano l’azienda a tutti livelli e che siano facilmente integrabili con i Sistemi di gestione dell’energia certificati ISO 50001.

      ANTONIO DISI

      Architetto, ricercatore dell’ENEA, esperto di comunicazione e cambiamento comportamentale, studioso dell’energia e delle umane debolezze che la accompagnano, ama sperimentare nuovi linguaggi per raggiungere il grande pubblico. Nell’header del suo blog campeggia il motto: ‘La creatività è l’unica energia che non va mai risparmiata’. È autore di pubblicazioni scientifiche ed ha curato per Hoepli l’edizione italiana di ‘Risparmiare energia for Dummies’. Quale esperto prende parte a convegni, master universitari, trasmissioni radio e TV.

      Soft Skills

      • TEAM BLOSSOM: GUIDARE LA RINASCITA DEL TEAM

        Per riconoscere i bisogni prioritari del team e identificare i canali e le iniziative che possono rispondere a questi bisogni. La discontinuità ci ha dato disorientamento, in varie forme, e ci ha dato la grande...
        A CURA DI HXO

        A CURA DI HXO

        Per riconoscere i bisogni prioritari del team e identificare i canali e le iniziative che possono rispondere a questi bisogni. La discontinuità ci ha dato disorientamento, in varie forme, e ci ha dato la grande opportunità di tornare a cercare nuove forme di convivenza e di esistenza. Ognuno di noi ha maturato alcune intuizioni su se stesso e ogni team fa i conti con l’impatto che queste rivelazioni hanno avuto. Quali sono i bisogni che maggiormente si respirano entro il team? Troveremo insieme le domande che aiutino i team a costruire un proprio processo di ricerca, a trovare il proprio peculiare modo di esistere, lavorare e convivere e a costruire insieme la propria evoluzione, la propria produttività e il proprio benessere.

        A CURA DI HXO

        Siamo una società di servizi di formazione, coaching e teambuilding per lo sviluppo delle persone, dei gruppi, della managerialità. Crediamo fortemente in quello che facciamo. Ci prendiamo cura di clienti e progetti distinguendoci per ispirazione, profondità e innovazione. Ispirazione, perché siamo certi che in ogni organizzazione, in ogni team, ci sono energie e potenzialità inespresse che aspettano solo un’azione di scoperta, valorizzazione, liberazione. Profondità, perché costruiamo una relazione basata sull’ascolto, co-progettiamo ogni intervento affinché ogni cliente abbia il “suo” progetto, lasciando una traccia indelebile. Innovazione, perché rinnoviamo costantemente modelli, metodi e strumenti, forti di un grande patrimonio e curiosi verso nuove prospettive.

      • PAROLE AMICHE E PAROLE NEMICHE

        Le parole che scegliamo nel nostro dialogo interiore e che utilizziamo quando interagiamo con gli altri sono molto di più di semplici parole. Il linguaggio è un segnale intenso di appartenenza, testimonia la condivisione di...
        A CURA DI HXO

        A CURA DI HXO

        Le parole che scegliamo nel nostro dialogo interiore e che utilizziamo quando interagiamo con gli altri sono molto di più di semplici parole. Il linguaggio è un segnale intenso di appartenenza, testimonia la condivisione di una cultura, ne racconta la storia, i valori e l’evoluzione. Le parole che usiamo sono specchio del nostro pensiero, del modo in cui raccogliamo e organizziamo le informazioni; se le si ascolta raccontano le nostre convinzioni, il nostro modo di interpretare la realtà e leggere i contesti. Disporsi a porre una rinnovata attenzione al linguaggio che scegliamo di agire con noi stessi e con gli altri significa scegliere di cambiare, perché per accogliere nuove e diverse parole e lasciar andare vecchie espressioni, occorre prima di tutto arricchire gli schemi con cui osserviamo noi stessi, gli altri e il mondo.

        A CURA DI HXO

        Siamo una società di servizi di formazione, coaching e teambuilding per lo sviluppo delle persone, dei gruppi, della managerialità. Crediamo fortemente in quello che facciamo. Ci prendiamo cura di clienti e progetti distinguendoci per ispirazione, profondità e innovazione. Ispirazione, perché siamo certi che in ogni organizzazione, in ogni team, ci sono energie e potenzialità inespresse che aspettano solo un’azione di scoperta, valorizzazione, liberazione. Profondità, perché costruiamo una relazione basata sull’ascolto, co-progettiamo ogni intervento affinché ogni cliente abbia il “suo” progetto, lasciando una traccia indelebile. Innovazione, perché rinnoviamo costantemente modelli, metodi e strumenti, forti di un grande patrimonio e curiosi verso nuove prospettive.

      • PENSARE CREATIVO PER PRENDERE DECISIONI DIFFICILI

        ALLENARSI AI PUNTI DI VISTA

        La forma di pensiero, le competenze e le abilità, sono tutti strumenti che sono già dentro di noi. Per poterli sfruttare al massimo, dobbiamo trovare la giusta chiave per farli emergere: oggi lo sperimenteremo insieme attraverso...
        ALESSANDRA MONASTA

        PERFORMANCE E BUSINESS COACH METODO R.I.G.O.R.E. – FORMATORE, CONSULENTE FONICO FORENSE, LAW5 S.R.L.

        ALESSANDRA MONASTA

        PERFORMANCE E BUSINESS COACH METODO R.I.G.O.R.E. – FORMATORE, CONSULENTE FONICO FORENSE, LAW5 S.R.L.

        La forma di pensiero, le competenze e le abilità, sono tutti strumenti che sono già dentro di noi. Per poterli sfruttare al massimo, dobbiamo trovare la giusta chiave per farli emergere: oggi lo sperimenteremo insieme attraverso un Metodo diverso e innovativo. Il pensiero laterale è un modo di pensare che ha come obiettivo quello di vedere le cose in modo differente e generare alternative ma soprattutto nuove idee. Fermarsi e osservare da un altro punto di vista, aiuta a riflettere, amplia l’orizzonte e apre la mente, bisogna sempre guardare le cose da angolazioni diverse. Cambiare prospettiva, modificare il punto di osservazione, avere il giusto mindset è una peculiarità di tutte le persone di successo, sia nella vita privata che in quella professionale. Allenare il punto di vista, abbracciarne di diversi, vuol dire sviluppare consapevolezza. È una modalità di risoluzione di problemi logici che prevede l’osservazione del problema da diverse angolazioni, contrapposta alla concentrazione su una soluzione diretta al problema. Se nella vita ci sono cose che non possiamo controllare perché non dipendono da noi, ce ne sono invece altre, in cui siamo noi a fare la differenza. “Per quanto si diventi bravi, occorre sempre desiderare di essere migliori” (Edward De Bono).

        ALESSANDRA MONASTA

        Una delle pochissime donne che ha svolto l’attività di Consulente Fonico Forense in ambito di Intercettazioni Telefoniche e Ambientali, occupandosi di indagini di grosso calibro sia italiane che internazionali. Si è specializzata nelle Tecniche d’ascolto e nello Studio della Voce come mezzo espressivo delle emozioni. È Autrice del Romanzo “La cacciatrice di bugie” edito da Longanesi, unico nel suo genere, che apre le porte a chi lavora dietro le quinte delle indagini ascoltando le vite degli altri. Agli inizi del 2014 l’incontro con l’ex Arbitro Stefano Farina, grande leader nel mondo del Calcio e lo studio effettuato insieme, hanno portato alla creazione di una Metodologia innovativa, semplice e funzionale da mettere a disposizione dell’eccellenza dello Sport e dell’Azienda. Il Metodo R.I.G.O.R.E.® e il Progetto S.E.A.® sono strumenti in continua evoluzione, creati per lo sviluppo e il potenziamento delle risorse personali. Oggi svolge attività di Performance e Business Coach: la LAW5 S.r.l. è la prima Società al mondo che utilizza la metafora dell’Arbitro in Azienda, un’idea che allarga l’orizzonte della Formazione.

        Media Partner


        Vuoi partecipare?


        Compila il modulo per conoscere le esclusive condizioni di partecipazioni al forum ed essere ricontattato.
        Se preferisci, chiamaci allo 02 312009.

        Come ci hai conosciuto?
        LinkedInFacebookBanner su internetGiornali / RivistePassaparolaNewsletter / Email RichmondAltro
        Autorizzo al trattamento dei miei dati personali come da informativa form per:
        finalità di marketing.

        Location


        Simbolo della Dolce Vita e luogo dell’immaginario felliniano, il Grand Hotel di Rimini ha un posto nella leggenda. Vanta una storia centenaria: dal 1908, è la quinta ideale di uno spettacolo caleidoscopico con i suoi saloni storici e le nuove, modernissime zone relax.

        Rivivi l’edizione del 2020


        Ecco cosa è successo