Richmond Cyber Resilience Forum

GUBBIO Park hotel ai Cappuccini 5 - 7 SETTEMBRE 2021

È uno dei temi di maggiore attualità, che coinvolge singoli individui e aziende. Perciò abbiamo dedicato alla Cyber security un forum, con nuovi strumenti di formazione e business.

È un momento di incontro tra la domanda e l’offerta di prodotti, servizi, soluzioni e progetti che coinvolgono i responsabili delle scelte informatiche e tecnologiche delle aziende italiane.

Cyber Resilience forum è un evento a porte chiuse, con una selezione rigorosa dei partecipanti che ne garantisce la qualità.

Nel 2021 Richmond Italia propone anche l’edizione internazionale on-line, una straordinaria opportunità per espandere il confronto e il business su scala europea.

A chi è dedicato?


Delegate


I delegate (CISO, CIRO, CPO, IT manager, Security manager) potranno aggiornarsi e mettersi in gioco grazie a conferenze, workshop e seminari interattivi. Inoltre, potranno valutare in un ambiente riservato e professionale le offerte e i servizi più tecnologici, in termini di Cyber security.

Visualizza la lista

Lista Delegate 2021


AEROPORTO G. MARCONI DI BOLOGNA SpA Information Security Manager – AP COMMERCIALE Srl CIO –  ARISTON THERMO GROUP IT Security Specialist – ARNALDO MONDADORI EDITORE IT Infrastructure and Operations Manager – ARNEG SpA CIO&CISO – ASIA NAPOLI SpA Responsabile IT – AUTOSTRADE PER L’ITALIA Chief Information Security Officer – C.R.VOLTERRA Spa IT Manager – CALLIGARIS SpA IT Director  – CESAR ARREDAMENTI CTO – CFT SpA Group IT System & Network -Manager – CHIOMENTI IT Manager – CISALFA SPORT SpA Group CIO – COCA COLA HBC ITALIA Srl Business Solutions & Systems Country Manager – COLORIFICIO SANRIMINESE SpA IT Department – CONFEZIONI ANDREA ITALIA Srl Head of IT –  DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE SpA Executive Vice President ICT –  DOLOMITI ENERGIA HOLDING SpA Responsabile IT Security & Compliance – DOVALUE SpA Head of Information & ICT Security – EASYTECH CLOSURES SpA IT Manager – ENEL Head of Cybersecurity & Deputy Risk Manager for a Global Business Line ERBA VITA SpA Responsabile Sistemi Informativi – FERALPI HOLDING SpA IT Infrastructure Manager – GESAC SpA CISO – GNUTTI CARLO SpA Group CIO – GRIMALDI GROUP Dirigente – GRISSIN BON SpA CIO–CISO – INSULA SpA Responsabile IT – ITALO SpA DPO – ITALO SpA IT Security Manager – MENZ & GASSER SpA IT Manager – MIRIADE SpA IT Manager – MODULA Srl IT Manager – REGINA CATENE CALIBRATE Chief Information Officer –   SACBO SpA Responsabile Cyber Security – SIRIO SpA IT Director–CIO – SOGIN Dirigente – STUDIO LEGALE BONELLI EREDE CISO – VALMEX SpA IT Manager

Vai ai Delegate2020

Exhibitor


Gli exhibitor avranno la possibilità di accreditarsi in modo efficace agli occhi dei decision maker di grande aziende italiane. Proponendo il loro ampio range di soluzioni personalizzate, atte a potenziare la Cyber security di ogni azienda.

Conferenza di apertura


ARTURO DI CORINTO


Ricercatore e Giornalista, La Repubblica

LA DOMANDA NON È SE VERREMO ATTACCATI, MA QUANDO

IL RISCHIO ZERO NON ESISTE:
NEL 2021 INVESTIAMO IN CYBER-RESILIENZA

Il 2020 è stato un anno difficile: ricattatori digitali hanno interferito col nostro sistema produttivo, bloccato la produzione di Geox, Carraro, Campari, mandando a casa impiegati e lavoratori; abbiamo visto delinquenti attaccare lo Spallanzani e la Irbm dove lavorano a contrastare il Covid-19; SolarWinds, fornitore mondiale di tecnologia è stato violato per mesi e Leonardo infiltrata dagli hacker mentre i dati personali degli italiani venivano venduti nel DeepWeb. Secondo il Rapporto sui rischi globali del World Economic Forum il rischio cyber è tra i dieci maggiori pericoli per il pianeta. Per questo il settore pubblico e privato devono collaborare nella battaglia contro aggressori silenziosi ed esperti. I legislatori devono ridurre la complessità di leggi e regolamenti e aumentare la protezione che ne può derivare. Tutte le organizzazioni devono capire che la loro esposizione è un pericolo per chi gli sta accanto. Garantire la continuità operativa è cruciale: fare il backup di dati e risorse, preparare i team, imparare ad essere resilienti. L’assenza di piani di disaster recovering e di gestione del cyber risk può essere fatale. C’è una variabile che può fare la differenza: il fattore umano. Più saremo consapevoli e preparati più saremo in grado di evitare gli attacchi, mitigarne i danni, e ripartire più forti di prima.

Seminari

  • DATA BREACH: SE LO CONOSCI LO (QUASI SEMPRE) EVITI

    In un mondo altamente digitalizzato, in cui la tecnologia è entrata a far parte della nostra quotidianità, i fenomeni di data breach rappresentano un nodo cruciale per tutte le attività, sia per quanto attiene la...
    FEDERICA DE STEFANI

    Avvocato, Studio Legale Moreschi De Stefani

    FEDERICA DE STEFANI

    Avvocato, Studio Legale Moreschi De Stefani

    In un mondo altamente digitalizzato, in cui la tecnologia è entrata a far parte della nostra quotidianità, i fenomeni di data breach rappresentano un nodo cruciale per tutte le attività, sia per quanto attiene la prevenzione, sia per quanto riguardala gestione, corretta, del fenomeno. Dall’analisi delle criticità più frequenti, dalla valutazione di alcune case history e dallo studio delle linee guida dell’EDPD, in aggiunta ad alcune pronunce del Garante, verranno individuate alcune best practice da seguire per evitare, o quanto meno contenere, gli effetti negativi, anche di carattere reputazionale, di un data breach.

    FEDERICA DE STEFANI

    Avvocato iscritta all’ordine degli avvocati di Mantova e autrice di pubblicazioni giuridiche. Si occupa di diritto delle nuove tecnologie, privacy, contrattualistica, nazionale e internazionale e diritto sportivo. È professore a contratto dell’Università Unitel ma La Sapienza di Roma e Unicollege Istituto a ordinamento universitario per mediatori linguistici e collabora con diverse Università italiane. Ha conseguito un master in diritto delle nuove tecnologie e ha frequentato quattro corsi di perfezionamento post universitario in Criminalità informatica, in Data Protection e Data Goverance, in Strategie avanzate di applicazione del regolamento generale sulla protezione dei dati e in diritto sportivo. Ha partecipato in qualità di relatrice a diversi convegni sul diritto della Rete e in materia giuslavoristica. Scrive per Hoepli e Giuffrè editore. Ogni mese su Millionaire si occupa della rubrica “Le regole della Rete” in cui parla dei rapporti tra internet e diritto. Online scrive per diversi siti specializzati sulle tematiche attinenti alle nuove tecnologie tra cui Agenda Digitale, Cybersecurity360 e Bigdata4innovation. Ha conseguito la qualifica di Esperto di ADR (Alternative Dispute Resolutions), con specializzazione in risoluzione delle controversie in materia societaria.

    Workshops

    • FOCUS GROUP: LA PANDEMIA 2020 VISTA NEL 2021: CONSEGUENZE E OPPORTUNITÀ

      Come un evento (quasi) imprevedibile ha cambiato le nostre vite (lavorative) e il nostro approccio alla tecnologia. La necessità di affrontare il cambiamento è stato uno dei motivi ricorrenti negli ultimi anni. La realtà dell’emergenza...
      SERGIO CAUCINO

      IT Director, GroupM Italia

      SERGIO CAUCINO

      IT Director, GroupM Italia

      Come un evento (quasi) imprevedibile ha cambiato le nostre vite (lavorative) e il nostro approccio alla tecnologia. La necessità di affrontare il cambiamento è stato uno dei motivi ricorrenti negli ultimi anni. La realtà dell’emergenza ha avviato un processo irreversibile. Dopo un anno, gli effetti di questa trasformazione stanno diventando strutturali. Partendo per un viaggio nel nuovo mondo che potevamo soltanto immaginare solo quindici mesi fa, esploreremo la stratificazione degli effetti sia sociali che tecnologici indotti da questa trasformazione. In modo rude e improvviso ci siamo scoperti fragili, impreparati ed insicuri ma allo stesso tempo disciplinati e reattivi. In molti casi, la tecnologia ha offerto opportunità, in alcuni altri ha reso esplicite debolezze strutturali. La sfida del post Covid è quella di ragionare su una normalizzazione delle infrastrutture e degli ambienti di lavoro, fornendo servizi sicuri e affidabili. Vista dalla prospettiva delle direzioni tecnologiche, questa crisi è ed è stata complessa ma ha tuttavia accelerato fortemente l’adozione o il rafforzamento di spinte di rinnovamento delle aziende. La nuova normalità che esce dall’emergenza implica tuttavia un approccio alla sicurezza basato su nuovi paradigmi. Proveremo insieme a tratteggiare questi nuovi scenari.

      SERGIO CAUCINO

      IT Director di GroupM Italia, azienda del gruppo WPP che si occupa di Media ed Advertising. Nel recente passato ha gestito aspetti della crisi generata dal COVID-19, da un punto di vista tecnologico e organizzativo. Alle spalle ha una esperienza diversificata nel mondo IT& Tech, sia nella consulenza che presso aziende, in settori anche distanti tra loro, come Finance, Events, Automotive, Energy e Media. Nel tempo libero, ama stare con la famiglia, che coinvolge in attività sportive variegate. Scrive romanzi, racconti, articoli di cultura enologica e gastronomica e ha collaborato con testate giornalistiche, università e associazioni sia nel campo della tecnologia, della divulgazione scientifica e della scrittura creativa.

    • FOCUS GROUP: BUSINESS CONTINUITY E CYBER SECURITY: UN APPROCCIO OLISTICO PER AUMENTARE LA RESILIENZA ORGANIZZATIVA

      LA NECESSARIA INTERAZIONE CONTINUA PER AUMENTARE LA RESILIENZA ORGANIZZATIVA E AFFRONTARE LE SFIDE ATTUALI E FUTURE

      Il 2020 è stato un anno che difficilmente sarà dimenticato. La pandemia ci ha messi in breve tempo di fronte ad uno scenario completamente nuovo e inaspettato in cui si sono dovute affrontare sfide mai...
      ENRICO ANICHINI

      Innovazione e IT, Cassa di Risparmio di Volterra SpA

      ENRICO ANICHINI

      Innovazione e IT, Cassa di Risparmio di Volterra SpA

      Il 2020 è stato un anno che difficilmente sarà dimenticato. La pandemia ci ha messi in breve tempo di fronte ad uno scenario completamente nuovo e inaspettato in cui si sono dovute affrontare sfide mai immaginate. L’impatto è stato rilevante per la maggior parte delle organizzazioni che per sopravvivere hanno dovuto organizzarsi e riadattarsi. La separazione fisica in primis e la necessaria spinta verso una forte digitalizzazione trainata dalla mobilità delle persone hanno in pochi mesi modificato il “modus operandi” delle aziende che hanno lottato, e continuano a farlo, per garantirsi un futuro “new normal”. Di pari passo l’aumentare delle minacce cibernetiche, sia come numero che come complessità degli attacchi, ha reso evidente che la sicurezza informatica è oggi una componente chiave fondamentale per il business, una leva strategica che permette alle aziende di salvarsi e rimanere competitive sul mercato. È necessario però un approccio nuovo, collaborativo, olistico e sinergico, per assicurare le necessarie interazioni. Una continua connessione tra reparti IT, Business Continuity, Risk Management e le altre funzioni di security è indispensabile per aumentare quella resilienza organizzativa necessaria per affrontare le sfide dello scenario in cui ci troviamo e quello futuro.

      ENRICO ANICHINI

      Ingegnere, Senior IT Manager esperto in IT Strategy e Cyber Scurity, Project e Innovation Manager certificato e iscritto nella lista di esperti del Ministero per lo Sviluppo Economico si occupa da oltre dieci anni di Innovazione e IT. È responsabile della sicurezza e coordinatore di progetti complessi di trasformazione digitale e
      innovazione tecnologica.

    • FOCUS GROUP: ESISTE DAVVERO IL PERFETTO PIANO DI CYBERSECURITY?

      COME COSTRUIRE UNA EFFICACE STRATEGIA DI CYBERSECURITY, DALLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE ALLA NOTIFICA DEI DATA BREACH

      Durante questo intervento si discuterà del ruolo del Chief Information Security Officer, sempre più complesso ed in continua evoluzione sia dal punto di vista del posizionamento gerarchico, sia dal punto di vista delle risorse messe...
      SIMONE PEZZOLI

      Chief Information Security Officer, Autostrade per l'Italia

      SIMONE PEZZOLI

      Chief Information Security Officer, Autostrade per l'Italia

      Durante questo intervento si discuterà del ruolo del Chief Information Security Officer, sempre più complesso ed in continua evoluzione sia dal punto di vista del posizionamento gerarchico, sia dal punto di vista delle risorse messe a disposizione dall’azienda per costruire una strategia efficace a protezione del business, dei dipendenti e dei suoi clienti. Con particolare attenzione si discuterà di come costruire una strategia di Cybersecurity che sia confezionata su misura dell’azienda, partendo dalla costruzione e/o ridefinizione del team di lavoro, passando alla gestione della identificazione, contenimento e risposta agli incidenti fino ad arrivare alla notifica di un data breach.

      SIMONE PEZZOLI

      Dopo aver maturato esperienze professionali in Italia e all’estero tra PwC, Bupa, Barclays e GE Aviation, Simone attualmente dirige la struttura CISO di Autostrade per l’Italia dove è in atto una delle più grandi trasformazioni digitali sul territorio italiano. Simone è docente a contratto al MBA della SAA School of Management dove tiene il corso “Digital Transformation per le PMI”.

    • CYBERSECURITY A BORDO MACCHINA: UN OBIETTIVO IMPOSSIBILE?

      QUALI ELEMENTI CONSIDERARE PER NON GENERARE RISCHI ALTISSIMI

      La complessità dell'ambiente di fabbrica, la necessità di telemanutenzioni, la gestione delle emergenze di produzione, la possibilità dell'errore umano. Un mix esplosivo che, in uno stabilimento interconnesso, può creare situazioni di non facile gestione. Quando...
      STEFANO ZANNINI

      IT manager, Valmex spa

      STEFANO ZANNINI

      IT manager, Valmex spa

      La complessità dell’ambiente di fabbrica, la necessità di telemanutenzioni, la gestione delle emergenze di produzione, la possibilità dell’errore umano. Un mix esplosivo che, in uno stabilimento interconnesso, può creare situazioni di non facile gestione. Quando si introduce il primo macchinario intelligente in azienda, si segna la data sul calendario. Con il secondo, gioia e soddisfazione. Arrivati al decimo, mani nei capelli. Come si può garantire un adeguato livello di cybersecurity in un ambiente OT sempre più interconnesso, tra sensori, impianti, linee di produzione, e vecchie interfacce di supervisione? Come applicare le poche best practices disponibili senza impattare seriamente sul budget IT? La risposta esatta la cerchiamo insieme.

      STEFANO ZANNINI

      Inizia il suo percorso in Valmex nel 2005 in area R&D. Dopo una significativa esperienza in area Operations, si occupa di internalizzare in azienda le attività informatiche (precedentemente in outsourcing). Nei primi anni sviluppa l’area IT informatizzando la qualità ei dati di produzione, e introduce le prime attività di cybersecurity. Dal 2011, con l’introduzione in azienda del gestionale Infor ERP LN, dà inizio all’evoluzione dell’IT come supporto al business. Negli anni successivi, fornendo il supporto tecnologico, ha collaborato con il management all’introduzione nei processi produttivi della Lean Manufacturing, della Theory of Constraints e dell’Industry 4.0. Oggi, con le stesse modalità, dirige un team giovane e dinamico, e segue l’azienda nel processo di Digital Transformation.

    • LA SECURITY AWARENESS COME ELEMENTO FONDANTE DELLA PROTEZIONE AZIENDALE

      IL RUOLO DEI DIPENDENTI E DELLE TERZE PARTI NELLA TUTELA DEL BRAND E DEGLI ASSET IN TEMPI DI CRISI

      I relatori presenteranno le strategie di awareness, i modelli operativi e le attività di e-learning più efficaci per prevenire e contrastare la minaccia del cyber crime e garantire la protezione degli asset aziendali. Un focus...
      CORRADINO CORRADI

      Head of ict security, privacy & fraud management, Vodafone Italia

      CORRADINO CORRADI

      Head of ict security, privacy & fraud management, Vodafone Italia

      I relatori presenteranno le strategie di awareness, i modelli operativi e le attività di e-learning più efficaci per prevenire e contrastare la minaccia del cyber crime e garantire la protezione degli asset aziendali. Un focus particolare sarà dato alle strategie di digital-awareness adottate dalle principali aziende italiane durate la gestione delle crisi da COVID-19 e l’uso massiccio dello smart working.

      CORRADINO CORRADI

      Ha iniziato la sua carriera nell’ambito dell’Information Technology lavorando prima in Telecom Italia e poi in Ericsson Telecomunicazioni. Dopo aver partecipato ad alcune startup sia nella telefonia mobile che nel settore delle banche on line, dal 2002 è in Vodafone Italia dove è Data Protection Officer (DPO) e dirige la Funzione ICT Security, Privacy and Fraud management. Oltre ad essere certificato CISM, CFE e CBCP, Corradino ha conseguito una laurea in ingegneria elettronica presso l’Università dell’Aquila ed un MBA presso la Warwick University. Corradino è membro dell’advisory board di alcuni osservatori italiani di cyber-security e privacy; dal Giugno 2018 è membro del direttivo di AIPSA.

      Exhibitor Corner

      • SONO DAVVERO I CISO A PROTEGGERE IL BRAND O È IL BRAND A PROTEGGERE I CISO?

        QUANDO LE DECISIONI IN MATERIA DI SICUREZZA INFORMATICA SONO LASCIATE NELLE MANI DEL MARKETING

        La frase più pericolosa in assoluto è “Abbiamo sempre fatto così” diceva Grace Murray Hopper, definita da molti una pioniera della programmazione informatica. Ma quanto è pericoloso invece quando ci trinceriamo dietro al valore di...
        LORENZO MONDINO

        Group CIO IRCA, Former Global ICT Senior Director Campari - Innovative Cybersecurity Advisor

        LORENZO MONDINO

        Group CIO IRCA, Former Global ICT Senior Director Campari - Innovative Cybersecurity Advisor

        La frase più pericolosa in assoluto è “Abbiamo sempre fatto così” diceva Grace Murray Hopper, definita da molti una pioniera della programmazione informatica. Ma quanto è pericoloso invece quando ci trinceriamo dietro al valore di un brand per cercare l’approvazione delle nostre scelte? In questo intervento, parleremo della reale valenza che Il binomio ormai indissolubile tra sicurezza informatica e brand reputation stia assumendo all’interno delle organizzazioni, che affidandosi ai brand più noti spesso avallano una scelta egoistica che ostacola l’evoluzione aziendale.

        LORENZO MONDINO

        Esperto in tecnologie e framework di protezione innovativi, Lorenzo è ad oggi Group CIO di IRCA S.p.A, esempio di eccellenza “made in Italy” per prodotti Dolciari. Con oltre 15 anni di esperienza nella sicurezza informatica, consolidata dal 2012 al 2018 come Global ICT Senior Director presso il Gruppo Campari, Lorenzo durante la sua carriera ha raggiunto importanti risultati nella gestione e nella prevenzione degli incidenti informatici attraverso l’adozione di tecnologie all’avanguardia, arrivando in molti casi ad una riduzione degli stessi di oltre il 50%. Il suo interesse per queste tematiche e la continua ricerca di soluzioni rivoluzionarie che permettano alle aziende di proteggere il valore del proprio business a discapito delle minacce informatiche, lo porta ad affiancarsi con entusiasmo alla realtà di Ermes Intelligent Anti-Phishing in qualità di early adopter, osservatore e consulente.

        Soft Skills

        • RESILIENTE O ANTIFRAGILE?

          Siamo sicuri che quando siamo esposti alla volatilità, al caso, ai cambiamenti e ai fattori di stress, la resilienza sia l’unico modo e antidoto per affrontare in modo efficace queste situazioni? I partecipanti sono accompagnati...
          GABRIELE LOPES

          Psicologo del lavoro e dello sport, consultant di HXO (Humanities invetriX Opera)

          GABRIELE LOPES

          Psicologo del lavoro e dello sport, consultant di HXO (Humanities invetriX Opera)

          Siamo sicuri che quando siamo esposti alla volatilità, al caso, ai cambiamenti e ai fattori di stress, la resilienza sia l’unico modo e antidoto per affrontare in modo efficace queste situazioni? I partecipanti sono accompagnati a scoprire un nuovo mindset, nuovi comportamenti e modi di essere per trarre vantaggio e opportunità di fronte a ostacoli e incertezze: l’antifragilità.

          GABRIELE LOPES

          Psicologo del lavoro e dello sport, consultant HXO, si occupa di formazione comportamentale, manageriale e coaching. Costanza, analisi e intuito sono elementi che caratterizzano le sue innovazioni e gli permettono di presidiare con cura progettazioni e realizzazioni di interventi formativi e di sviluppo. Attratto dal diverso e dalla voglia di scoprire nuove sfumature, focalizza le sue energie anche per specializzarsi sempre di più e costantemente sui temi della Diversity & Inclusion. La passione per il suo lavoro lo rende ogni giorno più entusiasta nel promuovere evoluzioni individuali e di gruppo.

        • SEMPLICITY PER LA VISIONE

          In un contesto in cui le persone sono sempre più sollecitate da richieste nella contingenza e da volatilità degli ancoraggi, il segreto della previsione e della pianificazione sta nella capacità di semplificare e lasciare andare....
          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, responsabile commerciale e partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, responsabile commerciale e partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

          In un contesto in cui le persone sono sempre più sollecitate da richieste nella contingenza e da volatilità degli ancoraggi, il segreto della previsione e della pianificazione sta nella capacità di semplificare e lasciare andare. I partecipanti sono guidati a scoprire la propria visione, a darle dimensione e densità, a scoprire il vero peso del proprio progetto.

          ALESSANDRA PANACCIONE

          Psicologa, partner e responsabile commerciale di HXO (www.hxo.it), si occupa di change management e innovazione, sviluppo organizzativo, formazione manageriale e coaching. Attratta dalle sfide, ama generare nuove idee e condividere il suo lungo percorso in consulenza, collaborando con passione con Clienti e Colleghi di primaria qualità nel panorama nazionale e internazionale.

        • GESTIONE DELLO STRESS E IPERCONNESSIONE

          Il rapporto tra le persone e le tecnologie è ormai diventato simbiotico e inscindibile. Questa relazione porta a dare per scontate le possibilità che il digital ci offre, ma allo stesso tempo anche le nuove...
          FRANCESCO FERRARA

          Psicologo del lavoro, specialista risorse umane e senior partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

          FRANCESCO FERRARA

          Psicologo del lavoro, specialista risorse umane e senior partner di HXO (Humanities invetriX Opera)

          Il rapporto tra le persone e le tecnologie è ormai diventato simbiotico e inscindibile. Questa relazione porta a dare per scontate le possibilità che il digital ci offre, ma allo stesso tempo anche le nuove dis-abitudini che abbiamo acqusito. Il seminario vuole esplorare questo legame nei suoi aspetti fisiologici, psicologici e comportamentali per dare delle nuove chiavi e categorie di lettura del nostro rapporto col digital.

          FRANCESCO FERRARA

          Psicologo del lavoro, specialista delle risorse umane, dal 2007 opera come consulente per le organizzazioni e come formatore, senior partner di HXO (www.hxo.it). Si occupa di progettazione e realizzazione di interventi di formazione per lo sviluppo manageriale su competenze comportamentali e di leadership, valutazione e sviluppo del potenziale, analisi dei contesti organizzativi e valutazione dello stresso lavoro correlato, per aziende nazionali e internazionali di diversi settori di business (trasporti e logistica, farmaceutico, automotive, bancario e assicurativo, energia, spettacolo, abbigliamento, lusso, industria, informatico).

          Media Partner


          Vuoi partecipare?


          Compila il modulo per conoscere le esclusive condizioni di partecipazioni al forum ed essere ricontattato.
          Se preferisci, chiamaci allo 02 312009.

          Come ci hai conosciuto?
          LinkedInFacebookBanner su internetGiornali / RivistePassaparolaNewsletter / Email RichmondAltro

          Location


          Il Park Hotel ai Cappuccini è un monastero del XVII secolo, sapientemente restaurato. È a Gubbio nel cuore dell’Umbria, immerso nel verde. La sua architettura è tra le testimonianze più alte di un Medioevo colto. Il Park Hotel ai Cappuccini unisce antichi ambienti e nuovi comfort.

          Rivivi l’edizione del 2019


          Ecco cosa è successo