RICHMOND ENERGY BUSINESS FORUM AUTUMN 2019

PROGRAMMA CONFERENZE E RELATORI

CONFERENZA D’APERTURA

CRISI CLIMATICA, AMBIENTALE ED ENERGETICA: SCENARI E SOLUZIONI

DALLE NOSTRE AZIONI DI OGGI DIPENDERÀ IL FUTURO DELL’UMANITÀ, MA NON L’ABBIAMO ANCORA CAPITO…

La crisi ambientale emerge con evidenza crescente in ogni processo naturale: il riscaldamento globale con le ondate di caldo, le siccità e le tempeste, la riduzione

dei suoli fertili per erosione, cementificazione, deforestazione, l’inquinamento di acqua, aria e suolo, simboleggiato dalla “zuppa di plastica” che galleggia negli

oceani, la perdita di biodiversità. La causa sono le frenetiche attività di 7,6 miliardi di umani intenti a sfruttare eccessivamente il pianeta sui cui vivono.

L’accelerazione del degrado ambientale è avvenuta a partire dal 1945 e ha dato il nome alla nuova epoca geologica nella quale ci troviamo: l’Antropocene.

Per ridurre il rischio di consegnare a figli e nipoti una Terra invivibile e depredata, urge una transizione verso la sostenibilità che investa le nostre case, le città,

le industrie, i trasporti, la vita quotidiana: efficienza energetica, abbattimento degli sprechi e riciclo dei rifiuti, passaggio alle energie rinnovabili, riduzione dei

consumi d’acqua, economia circolare e sobrietà. Abbiamo la tecnologia per farla e possiamo investire per migliorarla. Ma il tempo è poco e bisogna scegliere ora.

L’Accordo di Parigi sul clima è il primo passo, ma non è sufficiente: come tutti i grandi trattati è lento e burocratico.

La coscienza e l’azione degli individui sa essere molto più rapida ed efficace, lo dice anche Papa Francesco nell’enciclica “Laudato Sì”.

E’ una sfida epocale, ma pure un’opportunità per migliorare la qualità della vita di noi tutti e di quelli che verranno.

Luca Mercalli

Presidente Società Meteorologica Italiana e divulgatore scientifico

SEMINARI

Cristian Pulitano

Direttore Generale di Energy & Strategy - Politecnico di Milano

LE DINAMICHE DI MERCATO DELL’EFFICIENZA ENERGETICA E LE SUE POSSIBILI EVOLUZIONI NEL COMPARTO ITALIANO DEGLI ENERGIVORI

Il totale complessivo degli investimenti realizzati in efficienza energetica nell’ultimo anno in Italia è stato pari a circa 6,7 miliardi di €. Il trend degli ultimi 5 anni si è mantenuto molto positivo, facendo registrare un CAGR dell’12% e, dopo il “boom” del 2014, il 2017 ha fatto segnare una ulteriore accelerazione, mostrando livelli di crescita «a doppia cifra» (+10% rispetto al 2016). Il comparto industriale “cuba” nel complesso circa 2,2 miliardi di €, poco meno del 33% volume d’affari totale, dimostrando di prediligere soprattutto investimenti in cogenerazione e sistemi di combustione efficienti, che insieme coprono oltre il 50% del volume d’affari complessivo del settore. A prima vista dati molto incoraggianti quindi, ma quali sono le effettive dinamiche di mercato che regolano l’efficienza energetica nel settore industriale ed in particolare quello dei grandi soggetti energivori? Quali sono i principali driver d’adozione di soluzioni energeticamente efficienti? E quali sono le principali barriere che sta incontrando chi vuole investire nel nostro Paese in efficienza? Ed infine che cosa si devono aspettare i grandi player energivori per il futuro? Da tempo si parla di distretti industriali dove prosumer e consumer si possono scambiare energia, di aggregatori virtuali e sistemi di storage elettrico diffuso. Nel 2018 sono state avviate le prime sperimentazioni, approvate e sotto il controllo dell’ARERA tramite la delibera 300/2017 e successive integrazioni, per testare questa tipologia di soluzioni nel nostro Paese. Quali sono le configurazioni di aggregazione possibili? Risultano tali configurazioni convenienti per le imprese energivore italiane stanti gli attuali valori di costo delle architetture disponibili e la valorizzazione dell’energia proposta dall’authority? L’intervento fornirà una panoramica delle possibili soluzioni architetturali e dei relativi indicatori economici con l’obiettivo di fornire un quadro dell’attuale mercato della flessibilità nel nostro Paese.

Francesco Belcastro

Direttore di FIRE SECEM

LE NUOVE OPPORTUNITÀ OFFERTE OGGI DAL MERCATO ENERGETICO AGLI ENERGY MANAGER

CONTRATTI EPC, BENEFICI NON ENERGETICI, DIAGNOSI ENERGETICHE, INCENTIVI

Durante l’incontro verranno illustrati i risultati delle indagini FIRE pubblicate nel rapporto sugli

Energy Manager 2018, lo stato di avanzamento di alcuni lavori europei in cui la Federazione è

coinvolta su tematiche oggi fondamentali per la ricerca di nuove opportunità. L’Energy Manager,

oltre gli aspetti tecnologici, svolge un ruolo importante nelle scelte aziendali attraverso l’utilizzo

di strumenti quali: EPC, benefici non energetici, incentivi, diagnosi energetiche.

Faremo il punto sullo stato d’arte e sul compito da svolgere alla luce degli obblighi normativi

previsti nell’anno 2019.

In particolare (novità 2019) si illustrerà il nuovo Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica e

le opportunità che ne derivano.

WORKSHOP

L’ ENERGIA DELL’ ECONOMIA CIRCOLARE

UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS PER PRODURRE E UTILIZZARE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

L’economia circolare è pensata per rigenerarsi, ma cosa significa veramente? Quali sono i sistemi che consentono di ottimizzare il riutilizzo di scarti produttivi e/o rifiuti urbani per creare nuove fonti di energia? È possibile coniugare sviluppo e al tempo stesso migliorare la qualità della nostra vita? Quali possono essere i modelli da attuare?

Su queste domande e su altri temi collegati tenterà di farci riflettere l’intervento di Guido G. Ceccherelli, Manager e Imprenditore esperto in materia di depurazione dell’aria e della produzione di energia da fonti rinnovabili, e Consigliere Delegato di Assolombarda-Confindustria Milano, Monza Brianza e Lodi per la filiera “Green Economy”.

Guido Ceccherelli

Presidente di EffeGi Eco - Business Consulting

SITUAZIONE ATTUALE E PROSPETTIVE DEI SISTEMI DI ACCUMULO ELETTROCHIMICO

IL QUADRO NORMATIVO REGOLATORIO SUI SISTEMI DI ACCUMULO, I CASI D’USO ATTUALI E LE PROSPETTIVE DI DIFFUSIONE DEI SISTEMI DI ACCUMULO ELETTROCHIMICO

È possibile oggi installare sistemi di accumulo connessi alla rete elettrica pubblica?

Quali sono le configurazioni impiantistiche ammesse e i benefici conseguibili per la gestione energetica dell’impianto?

Quali evoluzioni del sistema e del mercato elettrico favoriranno la diffusione degli storage?

L’intervento risponderà a queste domande e fornirà ulteriori informazioni utili a comprendere i business model legati ai sistemi di accumulo e le prospettive di mercato.

Marco Pigni

Gruppo Sistemi di Accumulo, ANIE Energia

I BENEFICI MULTIPLI DELL’EFFICIENZA ENERGETICA

UNA NUOVA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA COME LEVA PER LA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE

Come mai non sempre si riesce a convincere i decisori ad investire nell’efficienza energetica? Perché l’uso razionale dell’energia può essere una leva di competitività e non solo un risparmio sui costi energetici? Cosa sono i benefici multipli dell’efficienza energetica e come possono aiutare? Queste sono alcune delle domande cui cerca di rispondere il workshop, basandosi sulla metodologia messa a punto nell’ambito del progetto europeo M-Benefits (Multiple benefits of energy efficiency). L’efficienza energetica non porta infatti solo risparmi energetici, ma ricadute che abbracciano emissioni, sicurezza, manutenzione, produttività, qualità, forniture, etc. La valutazione di questi elementi consente non solo di valorizzare meglio gli interventi proposti dal punto di vista economico, ma contribuisce a una gestione migliore dei rischi degli investimenti e, soprattutto, evidenzia come l’efficienza energetica produca effetti positivi sulle attività core dell’organizzazione e possa essere proposta facendo leva su aspetti a cui i decisori sono più sensibili.

Livio De Chicchis

Energy policy and market analyst di FIRE

Marco Golinelli

Presidente di Italcogen

COGENERAZIONE: UN ASSET PER L’IMPRESA

L’EVOLUZIONE DEL MONDO ENERGETICO E LE OPPORTUNITÀ NELL’INVESTIRE IN EFFICIENZA ENERGETICA

Come investire in efficienza energetica nella propria azienda? Domanda impegnativa in un quadro legislativo e normativo europeo che vive una veloce evoluzione verso nuovi obiettivi europei e con nuove sfide/opportunità per le aziende italiane. A chi rivolgersi per una scelta ottimale dell’impianto? Italcogen, Associazione italiana dei costruttori e distributori di impianti di cogenerazione, federata ANIMA- Confindustria, si pone come associazione di riferimento che raggruppa le principali aziende del settore cogenerazione, a garanzia di un investimento solido che dura nel tempo. Dopo una sintetica presentazione dell’evoluzione del quadro legislativo, l’intervento di Italcogen darà indicazioni sulle opportunità disponibili per chi vuole investire oggi nella cogenerazione e nei recuperi termici, anche attraverso case histories di impianti reali.

Alessandro Fontana

Responsabile associativo di Italcogen

LE SFIDE DELL’ENERGIA SOSTENIBILE

CAPIRLE E GESTIRLE

Il tema dell’energia e dell’accesso alle fonti energetiche, ha una rilevanza geopolitica di primo piano. La transizione verso fonti energetiche più sostenibili, guida poi le politiche di sviluppo di molte economie. La rilevanza del tema energetico nell’agenda globale della sostenibilità è confermata dal ruolo centrale che l’accesso a fonti energetiche sostenibili ricopre nei 17 Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (SDGs), redatti nell’ambito dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile redatta dalle Nazioni Unite. Ma, quando si parla di transizione verso l’energia sostenibile, quattro sono i temi che emergono: la sicurezza degli approvvigionamenti, l’accessibilità, il cambiamento climatico e l’efficienza delle risorse. Temi che coinvolgono – in un continuo intreccio tra loro – tutte le dimensioni della sostenibilità: economica, ambientale e sociale, confermando ancora una volta il ruolo integrato che dovrebbe rivestire nelle strategie aziendali. Perché consumare meno e meglio non significa solo rispettare l’ambiente e le persone, ma anche risparmiare.

Nicoletta Ferro

Co-founder ESG 360° & Editor di China Files

L’ENERGY MANAGER NELL’ERA DELLA DIGITAL ENERGY INNOVATION

IL MONDO DELL’ENERGIA STA CAMBIANDO E L’ENERGY MANAGER SI TROVA ORA DI FRONTE A NUOVE SFIDE.

QUALI SONO LE DIGITAL SKILLS E LE COMPETENZE NECESSARIE PER STARE AL PASSO CON NUOVI PRODOTTI,

SERVIZI E MODELLI DI BUSINESS?

In un contesto competitivo caratterizzato da una crescente digitalizzazione, il presidio e l’integrazione delle digital skills diventano sempre più critici per sostenere il vantaggio competitivo delle imprese. Questo intervento presenterà un’analisi dettagliata delle principali digital skills rilevanti per il settore, ed esplorerà le percezioni dei manager in relazione a tali competenze. Inoltre, l’intervento evidenzierà gli approcci con cui le digital skills posso essere acquisite, integrate ed utilizzate, e le leve organizzative necessarie per abilitare la loro integrazione per abilitare la trasformazione digitale di prodotti e servizi.

Josip Kotlar

Professore Associato presso Politecnico di Milano

EFFICIENZA ENERGETICA: INCENTIVI E CASE STUDY

EVOLUZIONE DEL QUADRO REGOLATORIO E MODELLIZZAZIONE CONTRATTUALE

L’intervento mira ad esporre le principali caratteristiche del quadro regolatorio dell’efficienza energetica, con specifico riferimento al sistema di incentivazione, ed alle soluzioni adottate – specie del punto di vista contrattuale e di approccio commerciale – al fine di massimizzare le opportunità commerciali e la creazione del valore nella realizzazione di interventi di efficienza energetica in ambito pubblico e privato.

Mattia Riccardo Petrillo

Associate Partner di Ernst & Young - SLT (Studio Legale Tributario)

QUANTO LA TUA ENERGIA PERSONALE È SOSTENIBILE E RINNOVABILE?

TECNICHE ED ESERCIZI PER IMPARARE OGNI GIORNO AD ALIMENTARE LA PRIMA RISORSA ENERGETICA CHE ABBIAMO: NOI STESSI

Ogni giorno ci occupiamo, con estrema attenzione, di “mettere in carica” smartphone, tablet, computer ecc. Abbiamo cavi di alimentazione dappertutto: in macchina, a casa, in ufficio. Come ci occupiamo ogni giorno, con la stessa attenzione di “mettere in carica” la nostra energia personale? Eppure, siamo, come dice Einstein, “la prima fonte di energia”. Se non metto al centro la mia energia, come posso occuparmi di quella degli altri o dell’ambiente? Come posso “misurare” questo dato “molto” sensibile per la fonte più’ preziosa che ho, che sono Io?

Sperimenteremo come rendere la nostra energia personale più’ creativa, rinnovabile e sostenibile, attraverso esercizi e tecniche esperienziali da diversi punti di vista, calandoli in un contesto di vita personale e aziendale.

Simona Santiani

Life coach e Ceo di myHARA

SOFT SKILL

Kristel Campaert

Fondatrice di Filbalance

RESILIENZA: IL TERRORE DELL’ ERRORE

RIFLESSIONI PSICOLOGICHE SULLE EMOZIONI ASSOCIATE ALL’ ERRORE E SULLA LORO GESTIONE

La maggior parte dei lavori richiede di prendere frequentemente delle decisioni caratterizzate da un certo grado di incertezza e dal rischio di commettere un errore. A volte succede che ci si accorga di avere commesso un errore, oppure che qualcuno vicino a noi abbia commesso un errore. Sono situazioni emotivamente impegnative e la capacità di gestire queste emozioni ha un effetto sia sul proprio benessere e sulla propria work life balance, ma anche sulla qualità delle decisioni future. Nel workshop conosceremo meglio i principali aspetti psicologici legati all’errore e si potrà fare esperienza di alcune tecniche per la gestione delle emozioni tipiche delle dinamiche dell’errore.

Cecilia Nostro

Co-founder di Friendz

COME ELETTRIZZARE I PROPRI COLLEGHI

LA GAMIFICATION ENTRA NELLE AZIENDE: UN NUOVO QUIZ PER L’EDUCATION

Negli ultimi anni, la figura dell’Energy Manager si è evoluta diventando un ruolo chiave, non solo nel sistema di gestione dell’energia, ma anche nella definizione di campagne informative e di sensibilizzazione rivolte al personale aziendale per l’adozione di comportamenti virtuosi.

Newsletter e circolari non bastano più per assicurarsi che le persone siano informate e partecipi. Cecilia Nostro, co-founder di Friendz dall’anima rock’n’roll, mostrerà i quiz da un nuovo punto di vista: dal Rischia tutto di Mike Buongiorno in grado di divertire e coinvolgere tutta Italia, ai nuovi metodi aziendali unconventional per rispondere alle esigenze di Education, Awareness e Sensibilizzazione, senza dimenticarsi dei dipendenti, permettendo loro di imparare, divertendosi.

Stefano Colombo

CEO di STAN2SERVICES SAGL

EMAIL MANAGEMENT: UN’ATTIVITÀ AD ALTO IMPATTO ORGANIZZATIVO, MA SNOBBATA DALLE AZIENDE

RIDUZIONE RISCHI, AUMENTO PRODUTTIVITÀ, ELIMINAZIONE STRESS E MIGLIORAMENTO DELLA CULTURA AZIENDALE

Quante volte riceviamo email inviati alle persone sbagliate, in copia a tanti, con errori grammaticali, senza né capo né coda, con contenuti complessi, offensivi, che generano incomprensioni e malintesi, che ci fanno perdere un sacco di tempo? In media, infatti, un professionista passa più del 30% del suo tempo lavorativo a gestire gli email e ne riceve almeno 100 al giorno, di cui il 60% di scarsa o nessuna importanza: la gestione degli email è statisticamente provato essere l’attività aziendale meno ottimizzata e nella quale si spreca più tempo. Eppure, a fronte dell’enorme ruolo che l’email ha assunto nella nostra vita lavorativa di tutti i giorni, grandi e piccole imprese, che affrontano periodicamente complete riorganizzazioni aziendali, programmi di riduzione costi, ridefinizione di policy e processi, non affrontano mai questo tema. Quale è il motivo di questa assenza? Personalmente non lo so, so però che una gestione integrata degli email è possibile ridurre lo stress causato da “email overload”; si arriva a guadagnare fino a 30 minuti al giorno di tempo sprecato; si migliora la cultura aziendale; si rafforzano le relazioni fra le persone e si migliora la comunicazione.

EXHIBITOR CORNER

Nicolas Henn

Fondatore di YEM - You're Energy Manager

YEM: INNOVAZIONI NEL RISK MANAGEMENT E LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI FORNITURA BTOB AL LIVELLO EUROPEO

YEM – YOU’RE ENERGY MANAGER, UNA SOLUZIONE WIN-WIN PER I CLIENTI E I FORNITORI DI ENERGIA

Perché chi conosce molto bene il mondo dell’energia dovrebbe interessarsi a You’re Energy Manager? Sono due i servizi di YEM che ci preme presentarvi oggi, uno di market place europeo e uno di risk management. Diventa possibile con noi gestire rapidamente i contratti di fornitura di energia di tutti i siti europei della vostra azienda senza necessità di costose intermediazioni. YEM vuole donare un punto di riferimento per rendere i rischi presi sul mercato dell’energia più sostenibili. Oggi e insieme abbiamo l’opportunità di rendere il nostro strumento il vostro strumento per la gestione dei rischi. YEM mira a diminuire i diversi rischi e la complessità del mercato dell’energia anche per i fornitori ai quali proponiamo una collaborazione innovativa e la fruizione di data marketing di alto valore.

Stiamo lavorando al Programma Conferenze della prossima edizione
Vuoi suggerirci delle tematiche? Vuoi candidarti come Speaker?
Contattaci!
mailto: ggrosso@richmonditalia.it Tel. 02 312009