RICHMOND ENERGY BUSINESS FORUM SPRING 2019

PROGRAMMA CONFERENZE E RELATORI

CONFERENZA D’APERTURA

Luca Mercalli

Presidente Società Meteorologica Italiana e divulgatore scientifico

CRISI CLIMATICA, AMBIENTALE ED ENERGETICA: SCENARI E SOLUZIONI

DALLE NOSTRE AZIONI DI OGGI DIPENDERÀ IL FUTURO DELL’UMANITÀ, MA NON L’ABBIAMO ANCORA CAPITO…

La crisi ambientale emerge con evidenza crescente in ogni processo naturale: il riscaldamento globale con le ondate di caldo, le siccità e le tempeste, la riduzione

dei suoli fertili per erosione, cementificazione, deforestazione, l’inquinamento di acqua, aria e suolo, simboleggiato dalla “zuppa di plastica” che galleggia negli

oceani, la perdita di biodiversità. La causa sono le frenetiche attività di 7,6 miliardi di umani intenti a sfruttare eccessivamente il pianeta sui cui vivono.

L’accelerazione del degrado ambientale è avvenuta a partire dal 1945 e ha dato il nome alla nuova epoca geologica nella quale ci troviamo: l’Antropocene.

Per ridurre il rischio di consegnare a figli e nipoti una Terra invivibile e depredata, urge una transizione verso la sostenibilità che investa le nostre case, le città,

le industrie, i trasporti, la vita quotidiana: efficienza energetica, abbattimento degli sprechi e riciclo dei rifiuti, passaggio alle energie rinnovabili, riduzione dei

consumi d’acqua, economia circolare e sobrietà. Abbiamo la tecnologia per farla e possiamo investire per migliorarla. Ma il tempo è poco e bisogna scegliere ora.

L’Accordo di Parigi sul clima è il primo passo, ma non è sufficiente: come tutti i grandi trattati è lento e burocratico.

La coscienza e l’azione degli individui sa essere molto più rapida ed efficace, lo dice anche Papa Francesco nell’enciclica “Laudato Sì”.

E’ una sfida epocale, ma pure un’opportunità per migliorare la qualità della vita di noi tutti e di quelli che verranno.

SEMINARI, WORKSHOP E LABORATORI

LE DINAMICHE DI MERCATO DELL’EFFICIENZA ENERGETICA E LE SUE POSSIBILI EVOLUZIONI NEL COMPARTO ITALIANO DEGLI ENERGIVORI

Il totale complessivo degli investimenti realizzati in efficienza energetica nell’ultimo anno in Italia è stato pari a circa 6,7 miliardi di €. Il trend degli ultimi 5 anni si è mantenuto molto positivo, facendo registrare un CAGR dell’12% e, dopo il “boom” del 2014, il 2017 ha fatto segnare una ulteriore accelerazione, mostrando livelli di crescita «a doppia cifra» (+10% rispetto al 2016). Il comparto industriale “cuba” nel complesso circa 2,2 miliardi di €, poco meno del 33% volume d’affari totale, dimostrando di prediligere soprattutto investimenti in cogenerazione e sistemi di combustione efficienti, che insieme coprono oltre il 50% del volume d’affari complessivo del settore. A prima vista dati molto incoraggianti quindi, ma quali sono le effettive dinamiche di mercato che regolano l’efficienza energetica nel settore industriale ed in particolare quello dei grandi soggetti energivori? Quali sono i principali driver d’adozione di soluzioni energeticamente efficienti? E quali sono le principali barriere che sta incontrando chi vuole investire nel nostro Paese in efficienza? Ed infine che cosa si devono aspettare i grandi player energivori per il futuro? Da tempo si parla di distretti industriali dove prosumer e consumer si possono scambiare energia, di aggregatori virtuali e sistemi di storage elettrico diffuso. Nel 2018 sono state avviate le prime sperimentazioni, approvate e sotto il controllo dell’ARERA tramite la delibera 300/2017 e successive integrazioni, per testare questa tipologia di soluzioni nel nostro Paese. Quali sono le configurazioni di aggregazione possibili? Risultano tali configurazioni convenienti per le imprese energivore italiane stanti gli attuali valori di costo delle architetture disponibili e la valorizzazione dell’energia proposta dall’authority? L’intervento fornirà una panoramica delle possibili soluzioni architetturali e dei relativi indicatori economici con l’obiettivo di fornire un quadro dell’attuale mercato della flessibilità nel nostro Paese.

Cristian Pulitano

Direttore Generale di Energy & Strategy - Politecnico di Milano

LE NUOVE OPPORTUNITÀ OFFERTE OGGI DAL MERCATO ENERGETICO AGLI ENERGY MANAGER

CONTRATTI EPC, BENEFICI NON ENERGETICI, DIAGNOSI ENERGETICHE, INCENTIVI

Durante l’incontro verranno illustrati i risultati delle indagini FIRE pubblicate nel rapporto sugli

Energy Manager 2018, lo stato di avanzamento di alcuni lavori europei in cui la Federazione è

coinvolta su tematiche oggi fondamentali per la ricerca di nuove opportunità. L’Energy Manager,

oltre gli aspetti tecnologici, svolge un ruolo importante nelle scelte aziendali attraverso l’utilizzo

di strumenti quali: EPC, benefici non energetici, incentivi, diagnosi energetiche.

Faremo il punto sullo stato d’arte e sul compito da svolgere alla luce degli obblighi normativi

previsti nell’anno 2019.

Francesco Belcastro

Direttore di FIRE SECEM

GLOBALIZZAZIONE ECONOMICA E FISCALITÀ

QUALI RISVOLTI PER IL MERCATO DELL’ENERGIA

La digital economy e la globalizzazione dei mercati stanno rivoluzionando il tradizionale approccio degli

operatori e degli Stati alle tematiche fiscali.

L’OCSE e l’Unione Europea stanno approvando importanti proposte volte a rendere il fenomeno fiscale

più coerente con i rinnovati linguaggi e le rinnovate esigenze dell’economia globale.

Di tali prospettive evolutive dovranno tener conto gli operatori che intendano ottimizzare il proprio

approccio fiscale ai mercati di riferimento. Per questo occorre chiedersi fin d’ora quali possono essere

le implicazioni del nuovo assetto della fiscalità globale sul mercato dell’energia del futuro.

Francesco Farri

Avvocato Studio Legale Giovannelli & Associati

L’ ENERGIA DELL’ ECONOMIA CIRCOLARE

UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS PER PRODURRE E UTILIZZARE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

L’economia circolare è pensata per rigenerarsi, ma cosa significa veramente? Quali sono i sistemi che consentono di ottimizzare il riutilizzo di scarti produttivi e/o rifiuti urbani per creare nuove fonti di energia? È possibile coniugare sviluppo e al tempo stesso migliorare la qualità della nostra vita? Quali possono essere i modelli da attuare?

Su queste domande e su altri temi collegati tenterà di farci riflettere l’intervento di Guido G. Ceccherelli, Manager e Imprenditore esperto in materia di depurazione dell’aria e della produzione di energia da fonti rinnovabili, e Consigliere Delegato di Assolombarda-Confindustria Milano, Monza Brianza e Lodi per la filiera “Green Economy”.

Guido Ceccherelli

Presidente di EffeGi Eco - Business Consulting

RESILIENZA: IL TERRORE DELL’ ERRORE

RIFLESSIONI PSICOLOGICHE SULLE EMOZIONI ASSOCIATE ALL’ ERRORE E SULLA LORO GESTIONE

La maggior parte dei lavori richiede di prendere frequentemente delle decisioni caratterizzate da un certo grado di incertezza e dal rischio di commettere un errore. A volte succede che ci si accorga di avere commesso un errore, oppure che qualcuno vicino a noi abbia commesso un errore. Sono situazioni emotivamente impegnative e la capacità di gestire queste emozioni ha un effetto sia sul proprio benessere e sulla propria work life balance, ma anche sulla qualità delle decisioni future. Nel workshop conosceremo meglio i principali aspetti psicologici legati all’errore e si potrà fare esperienza di alcune tecniche per la gestione delle emozioni tipiche delle dinamiche dell’errore.

Kristel Campaert

Fondatrice di Filbalance

LEADERSHIP PRAGMATICA

FARSI SEGUIRE È MEGLIO CHE…… SPINGERE

Si parla tanto di Leadership e spesso in toni aulici ed altisonanti. Durante un lunghissimo corso di Leadership Avanzata, frequentato quando ero in azienda, mi è stato insegnato che un leader deve essere carismatico ed autorevole. Tornato nel mio ufficio ho avuto qualche difficoltà a capire cosa dovevo fare PRATICAMENTE per risultare carismatico e autorevole. Successo anche a voi?

Il mio intervento ha l’obiettivo di dare strumenti pratici, di suggerire quali comportamenti quotidiani aumentano il nostro “punteggio leadership” e quali lo riducono. Una sintetica e personale selezione dalle tonnellate di manuali scritti sulla Leadership che identifica un pacchetto di regole pragmatiche per aumentare la nostra capacità di farci seguire e di far accettare le nostre idee da parte di collaboratori, colleghi e capi.

 

Leonardo Paoletti

Founder di AdActa Consulting

Stiamo lavorando al Programma Conferenze della prossima edizione
Vuoi suggerirci delle tematiche? Vuoi candidarti come Speaker?
Contattaci!
mailto: ggrosso@richmonditalia.it