A tu per tu con Angelo Rossi – Ecommerce & Digital Marketing Coordinator Elle Group- Marina Galanti

16 Gen A tu per tu con Angelo Rossi – Ecommerce & Digital Marketing Coordinator Elle Group- Marina Galanti

Angelo lavora da quasi dieci anni nel mondo degli accessori moda ed è attualmente specializzato nella gestione e-commerce e del web marketing per il brand Marina Galanti di Elle Group. In particolare, si occupa della gestione operativa delle vendite EMEA, interfacciandosi con la consociata negli USA e con la logistica interna e terza.

Supporta le iniziative di marketing nei punti vendita dell’azienda, è supervisore dell’area social network aziendale, inoltre gestisce il sito web istituzionale e il sito di vendita e-commerce B2B aziendale.

Buongiorno Angelo e grazie per aver scelto di partecipare alla 25esima edizione di Richmond Marketing forum! Questa è la prima volta che partecipi all’evento. Cosa ti ha spinto ad accettare il nostro invito?

È la prima volta che partecipo per conto dell’azienda al Marketing Forum, mentre ho già partecipato a due edizioni di E-commerce Forum. Il motivo che ci spinge a partecipare è trovare dei partner affidabili nel settore marketing che ci aiutino a portare avanti i nostri progetti con idee di marketing innovative, parlando direttamente con i principali player del settore, e avere la possibilità di partecipare a seminari e workshop interessanti e stimolanti.

Di cosa si occupa la tua Azienda? E quali sono le responsabilità che ricopri nel tuo ruolo?

L’azienda è leader nella produzione e distribuzione wholesale e retail di borse ed accessori donna in pelle sintetica e vera pelle dei marchi Marina Galanti, GianMarco Venturi e Lancetti. Sotto il mio ruolo ricade la responsabilità e la gestione delle vendite dell’e-commerce b2b e dell’e-commerce b2c e la gestione di coordinamento del marketing aziendale e del brand Marina Galanti.

Quali sono le principali sfide che il vostro settore incontra in questo momento storico e come le state affrontando? Con quali strumenti, iniziative?
Riconosciamo sempre maggiore difficoltà nel comprendere cosa il cliente desideri davvero. L’analisi della customer journey, anche attraverso l’analisi dei Big Data, non sempre risponde alle richieste di un pubblico/consumatore che si rispecchia nei nostri prodotti.

Pensi che sia possibile pilotare il pensiero delle persone attraverso azioni di marketing?

Il pensiero delle persone non può essere “pilotato”, ma semplicemente influenzato, attraverso la comunicazione degli aspetti positivi di un brand e tramite la gestione puntuale e precisa degli aspetti negativi che può riscontrare il cliente nei vari touchpoint con il brand.

La tecnologia, l’innovazione e la cooperazione sono gli strumenti che una società consapevole dovrebbe utilizzare per cambiare il paradigma dello sviluppo, verso una crescita sostenibile e rispettosa dell’ambiente. Le scelte sostenibili delle aziende hanno sicuramente un impatto importante su questo fronte. In che modo la tua azienda affronta quotidianamente il tema della sostenibilità ambientale?

La nostra azienda è sempre stata un’azienda attenta a queste tematiche, ma non riscontrandone una priorità di comunicazione. È posta comunque attenzione a possibili sviluppi sostenibili del packaging.

Da diversi mesi ormai è entrata in vigore la nuova normativa sulla GDPR. Quale impatto ha avuto sul tuo lavoro? Quali sono state le maggiori difficoltà e quali eventualmente ancora persistono?

Adeguarsi alla normativa GDPR è stato un processo lungo, svolto brillantemente con i partner selezionati dall’azienda. La maggiore difficoltà è stata nel processo di individuazione delle possibili aree scoperte dalla normativa e dall’attuazione della modulistica nei processi aziendali di tutti i giorni.

Nell’era dei social e delle influencer, che cosa significa essere Marketing Manager nella tua azienda?

La nostra è un’azienda giovane, nata nell’epoca dei social e delle influencer quindi non è stato traumatico gestire questa tipologia di comunicazione, anzi ci ha reso maggiormente consapevoli che ogni nostra azione avesse un impatto diretto sul pubblico.

Quali soft skills il marketing manager del 2020 non può non possedere?

La principale soft skill di un marketing manager deve essere senz’altro la propensione all’innovazione.

Marketing Strategico e Marketing operativo, qual è secondo te il modo vincente di farli interagire?

Non esiste una risposta universale a questa domanda. Anzi, se qualcuno avesse la soluzione vincente, noi siamo qui. Scherzi a parte, bisogna sempre tenere a mente la strategia che si è scelto di applicare, utilizzando tattiche che siano coerenti con la stessa.

Cosa ti aspetti dalla partecipazione all’evento?

La possibilità di accrescere le mie conoscenze, trovare nuove ispirazioni nei workshop e nei seminari e la possibilità di conoscere delle aziende che possano in futuro diventare partner dell’azienda.

Grazie Angelo per averci dedicato un po’ del tuo tempo! Ti aspettiamo a Rimini dal 17 al 19 Maggio per due intense giornate di Richmond Marketing forum!