11 Dic A tu per tu con Valentina Righetti – Direttore Marketing Fit and GO

Classe 1992, appassionata e curiosa incallita, dopo un percorso di studi tradizionale in economia e management concluso con la laurea magistrale in marketing e due 110 e lode, approda al mondo del digital marketing tramite un master di tre mesi a Milano e dopo un’esperienza a Singapore per lei molto significativa. Orientata all’obiettivo e al risultato, inizia il suo percorso lavorativo come stagista in Fit And Go quando era solo una piccola startup con 2 centri in tutta Italia. Oggi quei centri sono 75, Fit And Go è il primo player del mercato del fast fitness in Italia e Valentina è diventata socia a tutti gli effetti.

Sportiva e viaggiatrice per indole, negli anni ha costruito il suo team di tutte donne, “la costola creativa dell’azienda” le piace definirle, ed oggi si occupa del marketing di tutto il gruppo DCMT che conta anche altri brand come il franchising di estetica Seta Beauty ed il coworking Office Jam a Roma, nato dalla sua tesi sperimentale in marketing, innovazione e sostenibilità. 

“La mia fortuna è stata conoscere persone come i miei capi (Marco Campagnano e Lorenzo Blanco), giovani imprenditori che hanno creduto in me, mi hanno formata e responsabilizzata sempre di più, facendomi sentire parte integrante di una famiglia ancor prima che di un’azienda”.

Buongiorno Valentina e grazie per aver confermato anche quest’anno la tua partecipazione a Richmond Marketing forum. Cosa ti ha spinto a tornare?

Sicuramente la scelta di tornare al Richmond Marketing forum è stata dettata dall’immensa mole di opportunità e nuovi spunti che emergono da ogni evento di networking, in particolare quelli Richmond.
Credo che non bisogna mai fermarsi, soprattutto il nostro settore è fatto di formazione e apprendimento continui.

Di cosa si occupa la tua Azienda? E quali sono le responsabilità che ricopri nel tuo ruolo?
Fit And Go è un franchising di Fitness Hi-tech, mi piace definirle delle boutique di fitness dove aiutiamo le persone a raggiungere i loro risultati di forma fisica ottimizzando il fattore tempo. Oggigiorno il tempo è la risorsa più scarsa che abbiamo, all’interno di Fit And Go, grazie alle più moderne tecnologie e personal trainer specializzati, permettiamo a chiunque di tenersi in forma in soli 20 minuti a settimana. Io personalmente sono CMO e socio del brand.

Cosa ti aspetti dalla partecipazione all’evento?
Mi auguro di trovare nuovi punti ed idee da mettere in pratica, magari con nuovi fornitori che possano colmare le nostre debolezze.

Quali sono le principali sfide che il vostro settore incontra in questo momento storico e come le state affrontando? Con quali strumenti, iniziative?

La più grande sfida è sicuramente quella dello scetticismo, anche se gli italiani stanno cominciando a fidarsi della “rivoluzione del fitness”, i tanti casi di successo ormai parlano da soli.

Pensi che sia possibile pilotare il pensiero delle persone attraverso azioni di marketing?

Pilotare no, ma influenzarlo sicuramente sì.

La tecnologia, l’innovazione e la cooperazione sono gli strumenti che una società consapevole dovrebbe utilizzare per cambiare il paradigma dello sviluppo, verso una crescita sostenibile e rispettosa dell’ambiente. Le scelte sostenibili delle aziende hanno sicuramente un impatto importante su questo fronte. In che modo la tua azienda affronta quotidianamente il tema della sostenibilità ambientale?

Ogni giorno, con piccole e grandi iniziative, dalla cosmesi bio alle borracce in regalo ai clienti. Ognuno di noi può fare qualcosa in merito.

Da diversi mesi ormai è entrata in vigore la nuova normativa sulla GDPR. Quale impatto ha avuto sul tuo lavoro? Quali sono state le maggiori difficoltà e quali eventualmente ancora persistono?

È stata un costo enorme e una difficoltà di gestione tutt’ora impattante, a volte la burocrazia non si rende conto di quanto per una PMI possa essere un disagio una normativa così stringente.

Quali soft skills il marketing manager del 2020 non può non possedere?

Innanzitutto, la capacità comunicativa e di leadership, entrambe fondamentali per chiunque debba gestire un team insieme anche al teamwork stesso! Poi sicuramente è importante la gestione del tempo e delle priorità come anche il problem solving.

Nell’era dei social e delle influencer, che cosa significa essere Marketing Manager nella tua azienda?

È un mondo difficile e spinoso dove spesso si possono fare grandi buchi nell’acqua! Nel nostro caso abbiamo sempre lavorato autonomamente individuando profili coerenti con il brand o quantomeno realmente interessati al nostro servizio. Gli utenti ormai sanno quanto quello sia un mondo “fake” dove tutti sono pagati per promuovere brand.

Marketing Strategico e Marketing operativo, qual è secondo te il modo vincente di farli interagire?

La cosa più importante è che chi fa marketing strategico sappia come gestire quello operativo e soprattutto come monitorarlo.

Quali innovazioni durante la tua carriera hanno apportato vantaggi e svantaggi?

Nella mia seppur breve carriera ed essendo focalizzata sul digital marketing, le innovazioni più importanti e sostanziali sono state quelle proposte da Facebook e Instagram, per quanto riguarda la parte delle inserzioni.
La loro continua evoluzione porta sempre nuove opportunità che solo restando aggiornati si possono cogliere in fretta e per primi.

Quali consigli vorresti dare ai professionisti del marketing alle prime armi?

Quello di tenersi sempre aggiornati e non smettere mai di leggere, informarsi, testare e sperimentare.

Grazie Valentina per questi preziosi spunti!
Ti aspettiamo a Rimini dal 17 al 18 Maggio per due intense giornate di Richmond Marketing forum

La partecipazione a Marketing Forum è esclusivamente su invito, richiedilo cliccando sul banner sotto.

Richiedi un invito a Richmond Marketing Forum