09 Gen Due chiacchiere con Francesca Mileto -Responsabile Marketing Italia di AFEX

Ottimista, creativa, determinata.  Sposata da 16 anni e mamma di due bambine di 9 e 14 anni, è sempre riuscita a coniugare lavoro, famiglia e hobbies. Grande passione per lo sport, in particolare per la pallavolo.

Inizia giovanissima la sua carriera lavorativa, già ai tempi dell’Università, all’interno di una società di Comunicazione “Joghi Comunicazione Integrata” che le permette di formarsi professionalmente, di crescere velocemente e di scoprire che quello era il suo mondo. Approda alla Camera di Commercio di Roma lavorando a stretto contatto con il Presidente e successivamente ricopre diversi ruoli all’interno dell’area comunicazione della Nuova Fiera di Roma. Oggi è Responsabile Marketing Italia per AFEX, multinazionale americana, tra i più grandi operatori mondiali specializzati nei pagamenti internazionali B2B e nella gestione del rischio di cambio.

 Ciao Francesca, grazie per averci concesso questa breve intervista.
Questa non è la prima volta che partecipi al Richmond Marketing forum. Cosa ti ha spinto a tornare?
Ho trovato il Richmond Marketing forum un ottimo evento per fare networking, creare relazioni.
Mi ha dato l’opportunità di conoscere altre aziende di confrontarmi e di trovare nuovi fornitori.

 Di cosa ti occupi esattamente in AFEX?
Mi occupo di promuovere il brand AFEX e di sviluppare relazioni con Associazioni che hanno necessità di supportare le aziende a loro associate, oltre che organizzare eventi B2B.

 Quali sono secondo te le competenze necessarie per svolgere il tuo lavoro?
Sicuramente essere creativi, confrontarsi, osservare fare analisi di mercato, studiare gli strumenti innovativi utili al Dipartimento Sales per facilitare il business.

 C’è una metafora con cui descriveresti la tua azienda?
Direi che AFEX è un diamante grezzo. In Italia i nostri prodotti sono conosciuti e apprezzati dai CFO aziendali più innovativi e al passo con i trend globali, ma ancora in molti non hanno saputo cogliere le potenzialità dei nostri prodotti, intravedendo solo, appunto, una piccola parte del nostro valore. Come in un diamante grezzo.

 Cosa sono per te il lavoro, il talento e la passione? Pensi che questi fattori abbiano influito sullo sviluppo della tua carriera? Hai mai rinunciato a qualcosa per passione?
Sono sicuramente dei fattori fondamentali, che facilitano il raggiungimento degli obiettivi.  “Rinunciato” – se inteso nell’accezione negativa del termine – direi proprio di no. Nella vita spesso tra lavoro e famiglia ho dovuto scegliere il lavoro, ma sempre nella consapevolezza che il lavoro completava il mio essere donna, moglie e mamma, l’ho sempre considerato parte integrante della mia vita, trasferendo un messaggio positivo alle mie figlie, tanto che la più grande dice che le piacerebbe fare il mio lavoro.  

 Qual è la cosa più folle che hai fatto?
Lasciare la Ferrari, dove sono stata per oltre un anno. Avevo 25 anni e mi sono occupata di mappare l’organizzazione di tutta la Fabbrica, avevano da poco introdotto la Lean Production… Esperienza bellissima!  Forse avrei potuto formarmi ancora qualche anno, per poi tornare a Roma.

 Quali libri ti hanno influenzato di più?
Mi piace leggere la rassegna stampa la mattina presto, ti dà una visione d’insieme a 360°. Per quanto riguarda i libri… mi incuriosiscono le biografie dei grandi innovatori come Steve Jobs, ma anche i saggi sulla storia e sull’evoluzione della comunicazione.

 Quali sono le attività che nella tua pratica quotidiana metti in campo per sostenere e sviluppare la sostenibilità d’impresa?
Le imprese, ed in particolare le multinazionali come la nostra, sono il motore dell’economia. Siamo quindi ben consapevoli dell’importanza di promuovere una sostenibilità a tutto campo. Che si tratti dell’appoggio ad iniziative solidali o dell’abbandono delle pratiche ecologicamente più inquinanti, il mio apporto sarà sempre a favore di una sostenibilità multilivello e multisistemica.

 Ci puoi raccontare come sei approdata alla posizione che attualmente ricopri e come si è evoluto il tuo ruolo nel corso degli anni?
Sono approdata due anni fa in AFEX.  Il Diparimento Marketing in Italia prima del mio arrivo non c’era, per cui mi sono trovata ad affrontare una bellissima sfida. Grazie al grande gioco di squadra fatto con tutto il team aziendale oggi stiamo raccogliendo i primi risultati.

 Il mercato ci pone inevitabilmente di fronte ad un confronto con il mercato. Tu come analizzi la concorrenza?
Osservo come gli altri operatori si affacciano al mercato, come lo aggrediscono, quale strada propongono … che campagne promozionali fanno. Cerco di restare al passo con i migliori, anticipando le mosse e seguendo alcune strade già tracciate.

 Quali sono secondo te i comportamenti che caratterizzano un bravo leader?
Ascoltare gli altri, mettere a disposizione le proprie competenze, fare squadra. Delegare, e valorizzare gli altri, ognuno per le proprie qualità. Non credo nei tuttologi, credo in singole professionalità che insieme fanno grande un’azienda.

Nella tua esperienza professionale c’è stata una persona in particolare che si sia rivelata un vero e proprio mentore?
Certo, nessun dubbio, Giorgio Catalano, a lui devo la passione per questo lavoro.

 A proposito di Digital Transformation, come ha affrontato la tua azienda questo necessario processo e come tu, da Marketing Manager, hai raccolto questa sfida?
La mia azienda è sicuramente all’avanguardia nell’ambito dell’innovazione digitale e tutti, o quasi, i nostri prodotti, sono riservati ad un ambiente IT raggiungibile da utenti esperti e non. Abbiamo recentemente lanciato con DocFinance un’integrazione del loro famoso software gestionale che permetterà a tutti gli utenti di gestire e controllare in ogni momento la propria esposizione valutaria ed i relativi strumenti per amministrarla. L’integrazione tra AFEX e DocFinance darà la possibilità al cliente di eseguire 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno operazioni come pagamenti spot, incassi in valuta e la gestione di contratti a termine aperti e chiusi.

 Parlando sempre di futuro: tre aggettivi che secondo te descrivono meglio il Marketing Manager del futuro?
Duttile, visionario, etico.

 Grazie Francesca. È stato davvero un piacere conoscerti meglio. Ti aspettiamo a Rimini il 13 e 14 Maggio per due intense giornate di Richmond Marketing forum!

Per ricevere informazioni e partecipare al forum è necessario compilare il form in fondo alla pagina cliccando sul banner sotto.