Ferdinando Buscema Marketing Forum

20 Feb Marketing is Magic? Lo chiediamo a Ferdinando Buscema

Ferdinando Buscema, Magic Experience Designer di fama internazionale, aprirà la 23esima di Richmond Marketing Forum con una conferenza-spettacolo.

Ogni professionista del marketing è costantemente chiamato a trovare strategie sempre nuove per entrare in contatto e coinvolgere il proprio pubblico di riferimento.
In un momento storico saturo di segnali che competono tra loro per assicurarsi una fetta della nostra attenzione, la partita si gioca sul campo dello stupore: saper sorprendere e meravigliare i propri clienti in modo sistematico.

È allora che il Marketing può fare accadere cose magiche, generare emozioni, che a loro volta stimolano reazioni e comportamenti desiderati.
Ma cosa ci può far dire “Marketing is Magic”?

Abbiamo pensato di chiederlo a Ferdinando BuscemaMagic Experience Designer  specializzato nella progettazione di “esperienze magiche” per la crescita individuale e organizzativa, che durante la conferenza d’apertura  racconterà alla platea cosa vuol dire Pensare Come Un Mago, così da identificare ed utilizzare — in modo intenzionale — ciò che attiva l’immaginazione di un potenziale o effettivo cliente, stimolandone la curiosità e l’interesse.

Ferdinando Buscema condurrà, inoltre, un workshop di approfondimento che offrirà spunti operativi su come portare il driver della magia nella propria realtà professionale.

Ferdinando da dove nasce il tuo lavoro (e il tuo insolito job-title) di Magic Experience Designer?

Il mio lavoro nasce dall’intersezione tra una formazione da ingegnere meccanico e una passione per la prestigiazione.
Nel corso degli anni ho avuto la fortuna di mettere in comunicazione mondi spesso percepiti come distanti: magia, tecnologia, arte, management. Grazie a queste contaminazioni è possibile portare il “pensiero magico” nella vita quotidiana e in azienda, con risultati davvero sorprendenti.

Tra le tue collaborazioni figurano nomi di grandi aziende come Ferrari, PwC, Moleskine, UniCredit, Zara. Cosa trovano aziende così diverse tra loro nel concetto di “esperienze magiche”?

In un contesto di mercato dove domina l’Economia delle Esperienze (come definita nel classico libro di Pine e Gilmore), la capacità di creare esperienze di stupore e meraviglia per i propri clienti — siano essi clienti interni o esterni, in contesti B2B o B2C — è un elemento essenziale per competere con successo. Da qui il valore del concetto di “esperienze magiche”.

Lo abbiamo chiesto ai partecipanti di questa edizione di Richmond Marketing Forum: “Marketing is Magic”? Tu cosa ne pensi?
Credo ci sia una naturale affinità tra la funzione Marketing e la Magia: entrambe si muovono nel territorio delle percezioni, della gestione dell’attenzione, del sapiente utilizzo dell’immaginazione come attivatore di emozioni e comportamenti.

Se vuoi venire ad ascoltarlo  ed essere tra le aziende che parteciperanno a questa magica edizione clicca qui.